Dinamiche generazionali e nuovi cicli di vita familiare. La famiglia lunga del giovane adulto: invecchiare come figli.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Arianna Turri Contatta »

Composta da 328 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4961 click dal 17/04/2007.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Arianna Turri

Anteprima della tesi: Dinamiche generazionali e nuovi cicli di vita familiare. La famiglia lunga del giovane adulto: invecchiare come figli., Pagina 11
Mostra/Nascondi contenuto.
17 Rivoluzione industriale. 13 Secondo Laslett, esistevano due tipi di famiglia; quella occidentale, nelle regioni europee che stanno ad ovest di una linea tracciata da Leningrado a Trieste e quella orientale e meridionale, ad est di questa linea immaginaria. Le caratteristiche di quella che è stata definita la famiglia occidentale sarebbero state: a) un’età al matrimonio relativamente alta, soprattutto per le donne (23-24 anni); b) una differenza di età tra i coniugi relativamente bassa e perciò: un matrimonio tra adulti coetanei in grado di condurre da soli la propria impresa familiare come contadini o artigiani e di stabilire la propria residenza in modo separato da quella dei genitori di lui e di lei; c) una fecondità ridotta a causa dell’età al matrimonio non giovanissima della donna; d) la presenza di servi per talune fasi del ciclo di vita. La coniugalità della famiglia occidentale più che essere una conseguenza, date le sue caratteristiche, appariva, piuttosto, una delle circostanze favorevoli all’industrializzazione stessa che si è sviluppata, in primo luogo, proprio dove prevaleva questo modello nucleare. A questa struttura familiare, infatti, si contrappone un’altra supposta visione di due modelli simili ma non uguali: un modello di famiglia orientale ed un modello di famiglia meridionale, che non hanno sortito lo stesso effetto di industrializzazione precoce. La famiglia orientale (dalla zadruga iugoslava alla famiglia congiunta indiana) sarebbe stata caratterizzata da una struttura multipla discendente, un’età al matrimonio delle donne molto basso e alta fecondità della coppia. La famiglia meridionale, invece, avrebbe sempre avuto come base la struttura familiare multipla, ma di vario tipo, dall’orizzontale frérèche della Francia meridionale, alla famiglia multipla discendente dei mezzadri toscani, alla famiglia a ceppo di certe zone dell’Austria meridionale e del Tirolo. La famiglia europea, quindi, da come appare nelle ricerche storiche e demografiche, risulta molto diversificata nelle sue strutture, tra città, campagna, tra i ceti sociali e tra le forme di accesso e distribuzione della proprietà. Un’altra considerazione che ci porta ad escludere, dunque, l’omogeneizzazione delle strutture 13 Laslett P. (a cura di), “Household and the family in past time”, Cambridge University Press, Cambridge, 1972