Elitismo nel pensiero di Gaetano Mosca

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fioravante Salmena Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1878 click dal 15/09/2009.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Fioravante Salmena

Anteprima della tesi: Elitismo nel pensiero di Gaetano Mosca, Pagina 3
Mostra/Nascondi contenuto.
III già delineato in un’opera giovanile, Sulla teorica dei governi e sul governo parlamentare. Studi storici e sociali (1884), che contiene una critica al sistema politico in quanto espressione della volontà di una minoranza di individui. Questi legittimano la propria funzione di governo attraverso “strumenti” politici quali la democrazia, il liberalismo o il socialismo. Mosca, nella sua analisi sul potere politico, non può che criticare la tripartizione aristotelica delle forme di governo (monarchia, oligarchia, democrazia). Egli sostiene che esiste una sola forma di governo e di classe politica, vale a dire, in sostanza l’oligarchia. Così per Mosca la minoranza al potere è organizzata in modo tale da mantenere a lungo la propria posizione e tutelare i propri interessi, anche utilizzando i mezzi pubblici a sua disposizione. Per questi motivi egli ritiene che la democrazia, il parlamentarismo ed il socialismo siano solo delle utopie, delle formule politiche per legittimare e mantenere un potere che è sempre in mano a pochi uomini. Nella sua opera più autorevole, Elementi di scienza politica (1896, ripubblicata con un’edizione ampliata nel 1923) il Parlamento venne però visto come garanzia del mantenimento della democrazia; sostenitore di un liberismo moderato e difensore della classe media intellettuale, negli ultimi scritti del 1925 (Stato liberale, stato sindacale e Il problema sindacale) individuò nelle lotte sindacali la vera minaccia alle istituzioni liberali, paventando una presa di potere da parte delle masse meno colte che, come mostrò tragicamente la prima guerra mondiale, si stavano sempre più imponendo come protagoniste delle vicende economiche, politiche e sociali nella vita delle nazioni. Nell’opera di Gaetano Mosca è possibile individuare quindi un graduale cambio di prospettiva dalla Teorica agli Elementi, con l’attenuarsi ed il mitigarsi, nel corso del tempo, della prima radicale