La valigia comunicativa: costruzione di un bagaglio linguistico e culturale della L2 nella scuola primaria

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Raffaella Chirulli Contatta »

Composta da 357 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3279 click dal 11/03/2009.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Raffaella Chirulli

Anteprima della tesi: La valigia comunicativa: costruzione di un bagaglio linguistico e culturale della L2 nella scuola primaria, Pagina 4
Mostra/Nascondi contenuto.
8 §.2 – LE TRE “COMPETENZE”: COMUNICATIVA, LINGUISTICA E D’AZIONE. Hymes afferma che la linguistica considera la “competenza” nei termini dell’acquisizione, da parte del bambino, della capacità di comprendere, produrre, e valutare una qualsiasi e tutte le frasi grammaticali di una lingua. Nella matrice sociale in cui egli acquisisce un sistema grammaticale, un bambino acquisisce anche un sistema per il suo uso relativamente a persone, luoghi, finalità, altre maniere di comunicare ecc., tutti i componenti, insomma degli eventi comunicativi, unitamente ad atteggiamenti e credenze ad essi associati. Trovano parimenti sviluppo gli schemi dell’uso sequenziale del linguaggio nella conversazione, nei modi di rivolgersi, nelle formule di routine, e così via. In questo genere di acquisizione sta la competenza sociolinguistica del bambino, in altre parole la sua competenza comunicativa, cioè la sua capacità di partecipare alla vita della società come suo membro non solo in grado di parlare, ma anche di comunicare. Punto cruciale dell’analisi etnografico-linguistica di Hymes è il concetto di evento comunicativo: “bisogna determinare che cosa può contare come evento comunicativo (…) e non considerare come comunicativo alcun comportamento che non sia definito da un qualche contesto e da una domanda implicita. In tal modo l’evento comunicativo risulta centrale” 1 . L’analisi di un evento comunicativo si basa, secondo Hymes, sull’acronimo della parola SPEAKING. Tale modello, così rappresentato, (S come setting o situation, P come participants, E come ends, A come acts, K come key, I come instrument, N come norms, G come genres), interpreta la comunicazione come un atto complesso e contestualizzato. Ciò 1 Fondamenti di sociolinguistica, Hymes, D., Casa ed. Zanichelli, Bologna, 1980, pag. 8