La condizione della donna in Marocco fra tradizione e modernità

Tesi di Laurea

Facoltà: Studi Orientali

Autore: Edoardo Marino Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11157 click dal 27/02/2006.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Edoardo Marino

Anteprima della tesi: La condizione della donna in Marocco fra tradizione e modernità, Pagina 5
Mostra/Nascondi contenuto.
8 L’abbigliamento, ad eccezione di chi indossa un uniforme, è lontano da costumi tipici marocchini. Ci si veste alla “occidentale”ed è facile imbattersi tra ombelichi scoperti e spalle nude. E’ palese come gli effetti della vicinanza con la Spagna abbiano contaminato gran parte della gioventù marocchina. Il modello europeo rappresenta sicuramente l’avanguardia anche come atteggiamento mentale per chi non accetta o non osserva più certi aspetti imposti dalla tradizione, e abbraccia stili di vita meno ortodossi. Se ci si inoltra in altre zone, meno appariscenti, lo scenario è nettamente diverso. E’ raro incontrare donne sole per strada di giorno, le si può notare al suq (tipico mercato arabo), insieme dal fornaio, o ad osservare l’”Eldorado” dalla costa insieme ai propri figli. Per “Eldorado” ci riferiamo alla Spagna dove spesso vivono e lavorano marito e figli maschi. Sovente la vita delle donne, anche in ambito cittadino, è prettamente legata alla conduzione della casa. E’ lì che si svolge la loro vita, tra bucato e tagìne. Solo per poche dunque, vi è una possibilità di confronto con l’altro sesso in ambito lavorativo. Questa breve descrizione di tipo sociale è senza dubbio vera per gli ambienti rurali, tuttavia in ambito cittadino le situazioni cambiano: le esigenze della modernizzazione hanno portato alla formazione di un ceto di donne funzionarie, la cui posizione nella società viene scandita dai ritmi lavorativi. Di recente la pubblicistica francese ha indagato sull’integrazione femminile in ambito cittadino e lavorativo. Facciamo riferimento in particolare a Femmes fonctionnares du Maroc 1 un testo dove si analizza da vicino la poco conosciuta situazione delle donne che esercitano un ruolo attivo nella dinamica lavorativa della società marocchina (con tutti i problemi che vengono sollevati nel senso della lenta modernizzazione del paese, e sappiamo quanta parte riveste il ruolo delle donne in questo processo a quanto pare inesorabile). Nonostante le pressioni della modernizzazione, potrebbe essere di notevole aiuto prendere in considerazione la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo nell’Islam, per sottolineare come addirittura un testo di così recente pubblicazione nato sotto l’egida dell’UNESCO, tenga come principi basilari la superiorità del musulmano 1 Sous la direction de Driss Guerraoui, L’Harmattan, Paris, 2002.