Il Festival Via Paal di Gallarate. Nuove prospettive per il teatro ragazzi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Sara Scaltrittti Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 294 click dal 12/03/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Sara Scaltrittti

Anteprima della tesi: Il Festival Via Paal di Gallarate. Nuove prospettive per il teatro ragazzi., Pagina 6
Mostra/Nascondi contenuto.
9 lo spazio”11. E ancora, per la prima volta, si parla di portare il teatro fuori dai teatri, dove maggiore è la repressione delle istituzioni, come nelle carceri, nei manicomi e nelle scuole. Nel 1968 viene presentato a Venezia, nell‟ambito del VI Festival Internazionale del Teatro per Ragazzi, «Un Paese» fotospettacolo a staffetta realizzato da Remo Rostagno e Sergio Liberovici con i ragazzi di una classe V elementare di Beinasco (Torino)12: il maestro Rostagno e la sua classe svolgono un processo di scrittura drammatica creativa sul loro paese. In quell‟anno, Franco Passatore13 esce dall‟ambito teatrale per calarsi, con un suo gruppo, nella realtà scolastica dei ragazzi. Nel biennio 1969-1970, si svolge a Torino, su progetto di Gian Renzo Morteo14 ed Edoardo Fadini, l‟esperienza di decentramento del Teatro Stabile di Torino, un lavoro di animazione con gli adulti dei quartieri periferici e, con i bambini, un nuovo doposcuola. A quest‟esperienza, fra gli altri, partecipano Marco Barbieri, Loredana Perissinotto15 e Giuliano Scabia16, che la descriverà in un libro che fece epoca17. Nel 1970 il Teatro del Sole18 di Carlo Formigoni rielabora e mette in scena «La città degli animali», storie inventate dai bambini di una II elementare con Franco 11 AA.VV., Elementi di discussione: Convegno per un nuovo teatro, in “Teatro 2”, autunno-inverno 1967-68, Fratelli Cafieri Editori. 12 REMO ROSTAGNO, Un paese, 1972, La Nuova Italia, Firenze. 13 Franco Passatore, nato a Milano nel 1929, attore, regista, autore di diverse pubblicazioni di animazione teatrale, tra cui Io ero l‟albero (Tu in cavallo), Animazione dopo. Ha diretto il settore scuola/ragazzi del Teatro stabile di Torino ed è stato direttore artistico del Nuovo teatro studio e della scuola di formazione dell‟attore nella stessa città. 14 Gian Renzo Morteo, nato a Genova nel 1924, insegna Storia del teatro presso la Facoltà di Lettere all‟università di Torino; ha pubblicato studi sulla drammaturgia e sul teatro popolare francese e ha svolto ricerche sul teatro popolare e sul teatro ragazzi. 15 Loredana Perissinotto, attrice, autrice teatrale, teorica e sperimentatrice dell'animazione teatrale italiana, presidente di AGITA (Associazione nazionale per la promozione e la ricerca della cultura teatrale nella scuola e nel sociale). 16 Giuliano Scabia è nato a Padova nel 1935. Scrittore, poeta, regista e spesso narratore dei propri testi, è protagonista di alcune tra le esperienze teatrali più vive degli ultimi trent'anni. Ideatore, tra le altre, della famosa situazione teatrale presso l'Ospedale Psichiatrico di Trieste raccontata poi in "Marco Cavallo". Ha insegnato drammaturgia al DAMS di Bologna. Dagli anni novanta, il lavoro sulla lingua, maturato lungo l'esperienza teatrale, confluisce nella scrittura di romanzi e poesie. 17 GIULIANO SCABIA, Il teatro nello spazio degli scontri, 1973, Bulzoni, Roma. 18 Il Teatro del Sole, fondato nel 1971 da Carlo Formigoni al ritorno dalla Germania dove aveva lavorato con il Berliner Ensemble di Bertold Brecht, è una delle compagnie storiche del Teatro Ragazzi Italiano ed Europeo. Nasce da uno dei più affascinanti esperimenti avviati dal Teatro Stabile di Torino ed è accreditata da numerosi studiosi come la compagnia che ha generato la moderna concezione di teatro per l‟infanzia e la gioventù. Particolarmente rilevante, da allora, l‟intenso rapporto con le principali realtà italiane di produzione e la significativa partecipazione al dibattito che