Eroi sotto dettatura: le autobiografie dei campioni dello sport

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Simone Martarello Contatta »

Composta da 229 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 246164 click dal 03/12/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'autobiografia è diventata uno dei grandi topoi della ricerca contemporanea. In letteratura certo, ma anche in sociologia, in psicologia e in storia. Le ragioni sono come sempre molteplici, ma una forse prevale sulle altre: il ritorno al centro del soggetto nella cultura attuale (dopo le ideologie novecentesche), e di un soggetto che vive radicalmente la propria crisi. Nel cuore di questo processo s'inserisce la pratica autobiografica, come interrogazione sull'identità della persona, come travaglio individuale, come assunzione della "cura di sé", e forse anche come rielaborazione del vissuto alla ricerca di una traiettoria di senso. Oggi però, l'autobiografia è davvero alla portata di tutti, basta prendere carta e penna, e quindi trovare un editore disposto a pubblicare il racconto. Nel presente lavoro, ci occuperemo dell'autobiografia scritta "a quattro mani" (ma scopriremo che spesso sono di più), frutto di una collaborazione tra il protagonista della storia e un professionista della penna. Focalizzeremo l'attenzione soltanto sulle autobiografie di personaggi più o meno popolari, legati al mondo del calcio (giocatori, ex-giocatori, allenatori). Una simile scelta è stata suggerita dal fatto che tali memorie sono numerose e diffuse, e perché il football è lo sport più popolare e seguito non solo in Italia, ma nel mondo intero. Si tratta per lo più di testi stesi con la partecipazione di qualche giornalista o scrittore (ghostwriter), che raccoglie il racconto orale del protagonista e lo elabora per dargli una forma pubblicabile. Le tematiche riguardanti la definizione teorica del genere autobiografico, la sottoscrizione del patto di lettura tra autore e pubblico, insieme al concetto di autobiografia democratica (cioè alla portata di tutti), saranno discusse nel primo capitolo. Un altro aspetto interessante legato alla nascita di questi testi, è la questione delle motivazioni alla scrittura: denaro, vanità, desiderio di comporre un quadro coerente della propria vita, rivalsa e vendetta, o forse un modo per superare le difficoltà del dopo carriera. Tutti stimoli legittimi. Ma è il protagonista che sente il bisogno di raccontarsi, oppure viene invitato a farlo da qualche giornalista o editore che spera di ricavarne qualche soldo? Come avviene poi l'interazione tra ascoltatore-trascrittore e narratore? Questo è libero di raccontare la propria storia o deve seguire le direttive di quello? Probabilmente in questo caso il racconto si fa dialogo, fra chi ascolta e pone nuovi interrogativi e il narratore, stimolato ad esplorare dentro di sé. La trattazione di questi argomenti è riservata al secondo capitolo. Nella terza parte prenderemo in considerazione in particolare le questioni formali, come il linguaggio e la disposizione della narrazione. A tal fine si sono considerate queste autobiografie come un macrotesto, la cui osservazione è proceduta per assunzione di campioni significativi, di quella che ci è sembrata essere la costituzione globale del racconto autobiografico che ha per protagonista l'eroe mediatico dei nostri tempi. Attori, industriali, calciatori e uomini politici, scrivono autobiografie per scopi molteplici e variegati, non ultimo quello di costruire una sorta di romanzo d'appendice, in cui momenti privatissimi s'intersecano alla narrazione di aspetti pubblici già parzialmente noti al lettore, che vede in essi una conferma o una smentita di quanto già conosce. Poiché simili testi appartengono ad una vera e propria autobiografia di complemento, il loro tenore letterario risulta di difficile comprensione, il linguaggio è quasi esclusivamente colloquiale se non addirittura affine al parlato, uniformandosi in questo aspetto alla scrittura giornalistica e alle sue dominanti finalità comunicative. Nel quarto capitolo, mediante la scomposizione dei testi, si è potuto notare che le memorie di questi personaggi celebrati dalle masse, sono vincolate a strutture narrative preordinate, a tal punto che al termine del percorso di analisi, si è avuta la sensazione che queste cosiddette "autobiografie di consumo" permettano più facilmente di enucleare il carattere del genere testuale "autobiografia", rispetto alle autobiografie letterarie. Questi racconti sono visti dal pubblico come exempla, come modelli da imitare. A simili attribuzioni come accennato, è legata una certa fissità di situazioni e loci autobiografici, consentiti dall'impiego di strategie narrative stereotipate. I primi calci al pallone nei campetti di periferia, la prima grande delusione, il primo amore, la prima prova professionale, l'influenza della famiglia e dell'ambiente sul protagonista, la tenacia nel perseguire gli obiettivi, il senso di predestinazione e altri ancora. Sono tutti elementi contenutistici obbligati dell'autobiografia di consumo che ne condizionano enormemente la forma e la "dispositio". Il tutto in funzione della costruzione di una figura eroica archetipica, che fa leva su una mitopoiesi secolarizzata.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione I INTRODUZIONE A. I PERCHÉ DI UNA SCELTA Dopo una ricognizione anche sommaria nel panorama della ri- cerca letteraria di questi ultimi anni, così fitto di analisi sempre più affinate e sottili nei vari metodi di ricerca che si sono venuti elaborando, si dovrà prendere atto di una duplice direzione di mu- tamento: da una parte l'abbandono di suggestioni ideologiche tota- lizzanti in favore di un recupero della concretezza del testo e delle forze che ne governano il sistema; dall'altra, l'allargarsi del domi- nio letterario verso aree un tempo considerate ai margini del di- scorso storiografico. Alla base di tutto questo, ovviamente, c'è la trasformazione del- l'idea stessa di letteratura, con la riformulazione del principio di letterarietà operata dalla critica formalista, e in seguito da quella strutturale e semiologica. Ciò ha portato alla liquidazione dell'e- stetica neoidealistica, e del conseguente esercizio critico che si identificava in operazioni distintive tra poetico e non-poetico, proponendo in alternativa criteri sostanziali per l'analisi del testo. 1 Resasi poi meno netta, la linea di demarcazione tra letterario e non-letterario, l'idea stessa di letteratura si è ampliata fino a coin- volgere non solo settori di cultura attestati da una tradizione illu- stre (scienze, arti figurative, ecc.), ma anche molte forme di lette- ratura di consumo o paraletteratura, a lungo censurate da una svalutazione aprioristica, e che alla luce di una nozione di cultura 1 Cfr. C. Di Donna Prencipe, Per una tipologia della scrittura sportiva, in C. Di Donna Prencipe, (a cura di), Letteratura e sport, Atti del convegno di Foggia, 22- 23 maggio 1985, Bologna, Cappelli Editrice, 1986, pp. 127-35: 127.