Progetto di una sistema di controllo degli accessi per parcheggi automatizzati

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Ronchi Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3109 click dal 13/02/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Questo lavoro nasce grazie ad un’esperienza di lavoro compiuta presso un’azienda che produce sistemi di automazione civili. Ho avuto la fortuna di collaborare con essa grazie al tirocinio obbligatorio previsto dal corso di studi di primo livello di Ingegneria dell’automazione del Politecnico di Milano.
Mi è stato proposta un’esperienza di progetto riguardante una colonnina di ingresso/uscita per parcheggi automatizzati ed in particolare la collaborazione alla parte di progettazione meccanica preceduta da un periodo di studio e conoscenza dei parcheggi automatizzati, dei loro componenti e della loro integrazione nel sistema complessivo.
Questo elaborato si presenta dunque come una relazione approfondita di ciò che ho imparato e prodotto durante tutta l’esperienza.
Nella prima fase del tirocinio mi sono dunque occupato della conoscenza dei parcheggi automatizzati, in particolare della loro utilità in campo civile, della loro costituzione e del loro funzionamento. Ho condotto successivamente una ricerca sui diversi tipi di parcheggi già presenti analizzando gli aspetti che li contraddistinguono come ad esempio la dimensione, la posizione sul territorio, la conformazione strutturale, la tipologia di clienti in grado di ospitare, il sistema informativo di gestione.
Acquisite tali conoscenze ho potuto concentrarmi sul progetto vero e proprio confrontandomi con il tutor aziendale che mi ha aiutato a capire quali erano gli obiettivi da raggiungere e quali le specifiche del progetto. In particolare mi è stato spiegato che gran parte dei componenti che sarebbero serviti per il sistema di controllo (volgarmente chiamato “colonnina”) erano già in possesso dell’azienda perché già utilizzati per altri prodotti propri, sarebbe dunque stato utile basare il progetto meccanico, del quale dovevo occuparmi, su questi. Solo alcuni elementi erano da scegliere, a tale scelta ho partecipato anch’io in maniera attiva effettuando delle ricerche su cataloghi e internet.
Il lavoro si è dunque focalizzato sulla creazione di una struttura che fosse in grado di ospitare tutti i componenti necessari, poco ingombrante e soprattutto il più funzionale possibile sia per operarne la manutenzione che per l’utilizzo. Ultimo, ma non meno importante, era l’aspetto esteriore che è stato studiato con l’obiettivo di rendere intuitivo e comodo l’utilizzo della colonnina.
Questa parte è quella che ha occupato la gran parte del tempo del tirocinio ed è stata condotta con l’ausilio di AutoCAD, software professionale per il disegno meccanico, che in questo caso ha anche avuto la funzione di simulatore in quanto è stato possibile fare numerosi tentativi di posizionamento e sistemazione dei componenti. A questo proposito è stata fondamentale la simulazione per prevedere i giusti spazi per il cablaggio di tutti i componenti e per la movimentazione degli elementi mobili come il contenitore delle tessere, il rotolo di carta, lo sportello estraibile.
Una volta delineato in maniera precisa ciò che si voleva ottenere si è potuto procedere alla realizzazione dei disegni meccanici definitivi che verranno utilizzati in seguito per la realizzazione del prodotto. A tal proposito è opportuno sottolineare che i disegni riportati in questo lavoro sono degli estratti di quelli creati per la produzione ma volutamente privi di dimensioni e particolari perché protetti da riservatezza.
Conclusa la realizzazione di tutti i disegni meccanici è stata effettuata una verifica del lavoro fatto: sempre con l’ausilio di AutoCAD sono stati assemblati tutti i pezzi creati per verificare che non ci fossero incongruenze e errori che avrebbero impedito la realizzazione. Dopo aver apportato le opportune correzioni e modifiche si è proceduto alla creazione della distinta base del prodotto anch’essa omessa in questo lavoro.
Questo elaborato ripercorre per quel che è possibile il mio lavoro fatto presso Tecnoel, secondo uno schema simile a quello cronologico appena descritto, e lo arricchisce di alcuni elementi teorici legati ad esso.
Nel secondo capitolo è riportata una breve trattazione sui tipi di parcheggio automatizzato moderno per poi soffermarsi su un tipo particolare che è il modello al quale ci si riferisce per l’intero progetto analizzando il flusso dei clienti e la corsia di ingresso/uscita.
Nel terzo capitolo sono riportate tutte le conoscenze necessarie alla realizzazione del progetto meccanico riguardanti la colonnina come dispositivo immerso in un sistema complessivo, i singoli componenti contenuti in essa e la loro interazione supportate da alcuni schemi funzionali. A completare la panoramica alcune nozioni teoriche importanti.
Nel quarto capitolo è infine riportato tutta la parte progettuale meccanica. Sono ben illustrate tutte le problematiche presentatesi e le soluzioni pensate per esse. Questa parte è ricca di disegni qualitativi di tutti i pezzi e di particolari interessanti per una più semplice comprensione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questo lavoro nasce grazie ad un’esperienza di lavoro compiuta presso un’azienda che produce sistemi di automazione civili. Ho avuto la fortuna di collaborare con essa grazie al tirocinio obbligatorio previsto dal corso di studi di primo livello di Ingegneria dell’automazione del Politecnico di Milano. La mia passione per l’automazione, la grande voglia di conoscere e vivere da vicino il mondo del lavoro e l’esigenza di un nuovo progetto da parte di un’azienda ha fatto sì che io e Tecnoel S.r.l. di Milano ci incontrassimo. Mi è stato proposta un’esperienza di progetto riguardante una colonnina di ingresso/uscita per parcheggi automatizzati ed in particolare la collaborazione alla parte di progettazione meccanica preceduta da un periodo di studio e conoscenza dei parcheggi automatizzati, dei loro componenti e della loro integrazione nel sistema complessivo. Seppur apparentemente un po’ distaccato da ciò che tratta il mio corso di studi questa esperienza mi è apparsa molto interessante e comunque utile perché mi ha permesso di iniziare a conoscere il mondo del lavoro e le problematiche che un progetto industriale presenta a partire da quelle tecnologiche fino ad arrivare a quelle economiche e di mercato. Questo elaborato si presenta dunque come una relazione approfondita di ciò che ho imparato e prodotto durante tutta l’esperienza. Nella prima fase del tirocinio mi sono dunque occupato della conoscenza dei parcheggi automatizzati, in particolare della loro utilità in campo civile, della loro costituzione e del loro funzionamento. Ho condotto successivamente una ricerca sui diversi tipi di parcheggi già presenti analizzando gli aspetti che li contraddistinguono