Viaggio all'interno delle comunità per minori. Dalla teoria alla realtà.

Tesi di Master

Autore: Laura Pizzeghello Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2899 click dal 02/12/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Il maltrattamento ai minori è un problema sociale che risale ai tempi antichi. Con l’avvento del Novecento studiosi di psicologia, pedagogia e sociologia si concentrarono sullo sviluppo infantile, sulle necessità e sui bisogni dei bambini. L’obiettivo di questa tesi è quello di dimostrare come la Comunità possa ancora oggi rappresentare uno strumento importante nell’ambito del panorama dei Servizi socio-assistenziali, ritagliandosi uno spazio non alternativo ma integrato nell’ambito delle strategie utili al reinserimento del minore “socialmente svantaggiato” nel contesto sociale, e dunque dei servizi che di tali strategie sono protagonisti attivi (consultorio familiare, assistenza domiciliare minori, servizio affidi e adozioni, Tribunale dei Minorenni, ecc.).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il maltrattamento ai minori Ł un problema sociale che risale ai tempi antichi: ritroviamo scritti che testimoniano sacrifici di bambini, uccisioni di figli deformi o non voluti gi nell antica Grecia, mentre nell antica Roma l ordinamento giuridico stabiliva il diritto di vita o di morte del pater familias sui propri figli. Nel 529 d.C. Giustiniano promosse una legge che prevedeva l istituzione di case per orfani e bambini abbandonati: era la prima volta che, in ambito sociale, compariva il concetto di protezione del bambino. Nel XVIII secolo il problema della tutela dell infanzia venne preso in considerazione in particolar modo in Inghilterra ed in Francia; molti autori anglosassoni dedicarono intere opere alla condizione disagiata dei bambini, e la Costituzione del 1793, che fece seguito alla Rivoluzione Francese, dichiar che il bambino non possiede che diritti . Con l avvento del Novecento studiosi di psicologia, pedagogia e sociologia si concentrarono sullo sviluppo infantile, sulle necessit e sui bisogni dei bambini. Il 20 novembre 1989 fu approvata, dall Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), la Convenzione di New York: da questo documento si evince la necessit dei bambini di ricevere cure e protezi one sia dalla famiglia che da organi sostitutivi, quali ad esempio i Servizi Sociali (nel caso in cui i genitori non possano essere presenti). Nel 1990 il Consiglio d Europa stabil la necessit di misure preventive a sostegno delle famiglie in difficolt e misure specifiche di informazione, individuazione di violenze, aiuto e terapia rivolte a tutto l organo familiare. L obiettivo di questa tesi Ł quello di dimostrare come la Comunit possa ancora oggi rappresentare uno strumento importante nell ambito del panorama dei Servizi socio-assistenziali, ritagliandosi uno spazio non