La condizione femminile ed il mutamento sociale: la donna imprenditrice

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Emilia Cervero Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12666 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Secondo diversi autori il mutamento sociale è “la variazione relativamente ampia e non temporanea, nelle proprietà, nello Stato o nella struttura dell’organizzazione sociale di una determinata società, o nei rapporti tra i maggiori sistemi sociali che la compongono”.
Il concetto di mutamento sociale spesso è interrelato con i concetti di evoluzione o sviluppo sociale, tanto che vengono usati come sinonimi, anche se l’evoluzione sociale può essere più correttamente definita come “una curva di trasformazione intorno alla quale si distribuiscono tutti i mutamenti sociali verificatisi”, mentre lo sviluppo sociale è “una sequenza di mutamenti sociali in una direzione predeterminata della natura stessa del sistema sociale globale ”.
Le teorie del mutamento sociale, che sono state formulate finora in Sociologia, hanno sempre consentito di comprendere i processi di cambiamento in atto nella realtà sociale.
Ma esse hanno anche dato giuste spiegazioni sulle cause che hanno determinato i processi di mutamento al fine di stabilirne le costanti generali, nonché fondare condizioni di prevedibilità dei cambiamenti futuri. E’ stato, quindi, fatto ogni tentativo di formulare una teoria del mutamento sociale. Sulla scia delle prime teorie, elaborate nel contesto storico dell’affermazione del capitalismo industriale e dell’urbanizzazione, il mutamento sociale è stato visto come movimento di masse e si è svolto lungo una traiettoria che comprende: il cambiamento nell’organizzazione produttiva, nelle tecnologie, nel potere, nella cultura, nella politica, che accelerano o contrastano la diffusione delle nuove idee, tecnologie o invenzioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I PREMESSA 1.1 Il mutamento sociale nella teoria sociologica. Secondo diversi autori il mutamento sociale è “la variazione relativamente ampia e non temporanea, nelle proprietà, nello Stato o nella struttura dell’organizzazione sociale di una determinata società, o nei rapporti tra i maggiori sistemi sociali che la compongono”. (1) Il concetto di mutamento sociale spesso è interrelato con i concetti di evoluzione o sviluppo sociale, tanto che vengono usati come sinonimi, anche se l’evoluzione sociale può essere più correttamente definita come “una curva di trasformazione intorno alla quale si distribuiscono tutti i mutamenti sociali verificatisi”, mentre lo (1) Luciano Gallino: La Sociologia UTET, Torino 1989 p.182