Digestione e assorbimento dei glucidi:

Questa pagina è tratta da: Fisiologia della nutrizione (appunto) di Irene Mottareale.

[« Torna all'indice di questo appunto]

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Scarica questo appunto Consultabile gratuitamente in formato PDF

Navigazione rapida:
Altri appunti correlati:

Digestione e assorbimento dei glucidi


I disaccaridi maggiormente presenti nella nostra dieta sono:
•    Amido
•    Saccarosio

La digestione dell’amido inizia nella cavità orale, continua nel duodeno e si completa a livello degli enterociti.
Nella cavità orale troviamo l’amilasi salivare  che non riesce a digerire completamente le molecole in quanto attacca solo i legami 1,4 alfa glucosidici e non quelli 1,6 alfa-glucosidici  otterrò quindi glucidi intermedi.
Nello stomaco non c’è nessun enzima che può digerire i glucidi, in quanto l’amilasi salivare viene inattivata a ph inferiore a 4.
La lipasi linguale , invece, funziona anche a ph 4, acido, quindi quando arriva nello stomaco continua a funzionare.
Nello stomaco, cmq, vi è la lipasi gastrica che funziona a ph 4 e a ph 3.
Lipasi linguale e lipasi gastrica non funzionano xò a ph 2, ciò vuol dire che quando avverrà il completo mescolamento verranno bloccate.

Una volta che il cibo arriva all’intestino tenue, viene a contatto con l’amilasi pancreatica, enzima secreto dal pancreas, che porta riduce il glucosio in destrine e oligosaccaridi; inoltre separa i disaccaridi in monosaccaridi.

Inoltre nell’intestino inoltre troveremo altre amilasi:
-    Maltasi, scinde il maltosio nelle due molecole di glucosio che lo compongono
-    Saccarasi, forma dal saccarosio una molecola di glucosio e una di fruttosio
-    Lattasi, forma dal lattosio una molecola di glucosio e una di galattosio

Chiaramente una volte che si vengono a creare queste molecole dovranno essere assorbite per trasporto attivo dai villi e dai microvilli
Il trasporto di glucosio e galattosio è sodio- dipendente.
Il fruttosio, invece non viene assorbito per trasporto attivo ma in combinazione con un vettore vitaminico che sfrutta la diffusione facilitata (sistema più lento).
Dopodiché arriva tutto al fegato.
Il colon rappresenta l’ultima fermata per i carboidrati non digeriti e per le fibre alimentari; qui avviene pure il riassorbimento di acqua e qualche ulteriore fase della digestione.
di Irene Mottareale