Definizione di diritto reale:

Questa pagina è tratta da: Istituzioni di diritto privato (appunto) di Antonio Amato.

[« Torna all'indice di questo appunto]

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Scarica questo appunto Consultabile gratuitamente in formato PDF

Navigazione rapida:
Altri appunti correlati:

Definizione di diritto reale

Il diritto reale attribuisce al titolare il potere di utilizzare il bene (res). Si differenziano dagli altri diritto assoluti perché hanno ad oggetto cose.
Le loro caratteristiche sono:
a)immediatezza: il titolare del diritto può esercitare il suo potere sulla cosa direttamente senza la cooperazione di alcun altro soggetto (sono privi di questa caratteristica il pegno, l’ipoteca e le servitù negative);
b)tipicità: perché  sono solo quei diritto previsti dalla legge, e quindi costituiscono una categoria a numero chiuso.
c)assolutezza: cioè possono essere fatti valere contro tutti i consociati (erga omnes) sui quali incombe dovere di astensione.
Tipi di diritto reali:
1)Dir su una cosa propria (ius in re propria): unico diritto di tal genere è quello di proprietà che attribuisce al suo titolare il diritto di godere del proprio bene, nei limiti imposti dalla legge.
2)Dir su cosa altrui(iura in re aliena): che si dividono in:
A)dir di godimento (iure in re aliena): sono diritto reali minori su cosa altrui. Essi comprimono il diritto di godimento del proprietario a favore di terzi; limitano i diritto di proprietà altrui; si trovano conseguentemente a concorrere con la proprietà e pertanto non sono ne pieni ne esclusivi perciò sono detti parziari o limitati (essi cioè comprendono solo alcune utilità economiche che la cosa può dare).  Fra essi abbiamo: usufrutto, enfiteusi, diritto di superficie, diritto reale d’uso, diritto reale di abitazione, servitù.
B)dir reali di garanzia(pegno e ipoteca): assoggettano la cosa al soddisfacimento esclusivo di un diritto di credito. Servono a fornire una garanzia per un credito: il creditore titolare del diritto di garanzia si potrà così soddisfare in via preferenziale sul bene oggetto del dir.
Essi attribuiscono al creditore il diritto di sequela, cioè il potere  di esercitare la garanzia, espropriando il bene e soddisfacendosi sul prezzo ricavato dalla vendita, anche se la proprietà del bene sia passata ad altri.
di Antonio Amato