Polisaccaridi strutturali: cellulosa e chitina:

Questa pagina è tratta da: Biochimica (riassunto) di Domenico Azarnia Tehran.

[« Torna all'indice di questo riassunto]

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Scarica questo riassunto Consultabile gratuitamente in formato PDF

Navigazione rapida:
Altri appunti correlati:

Polisaccaridi strutturali: cellulosa e chitina

Alcuni polisaccaridi hanno la funzione di essere dei componenti strutturali molto importanti. La cellulosa è il principale componente strutturale delle pareti delle cellule delle piante. Essa è un polimero lineare contenente fino a 15000 residui di glucosio (un glucano) legati tra loro da legami glicosidici β(1→4). Come accade per i grandi polisaccaridi, la cellulosa non ha una grandezza definita, in quanto a contrario delle proteine o degli acidi nucleici, non vi sono stampi determinati geneticamente che dirigano la sua sintesi. Nelle pareti delle cellule vegetali, le fibre di cellulosa sono immerse in una matrice costituita da alcuni polisaccaridi contenenti glucosio ed altri monosaccaridi. La chitina, invece, è il componente strutturale principale dell'esoscheletro degli invertebrati come i crostacei, gli insetti e i ragni; Essa è un omopolimero di residui di N-acetilglucosammina legati con legami β(1→4) e differisce dalla cellulosa per avere il gruppo OH in ogni C(2) sostituito da una funzione acetamidica.


di Domenico Azarnia Tehran