Definizione di Servizio Pubblico:

Questa pagina è tratta da: Diritto amministrativo (riassunto) di Antonio Amato.

[« Torna all'indice di questo riassunto]

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Scarica questo riassunto Consultabile gratuitamente in formato PDF

Navigazione rapida:
Altri appunti correlati:

Definizione di Servizio  Pubblico

Complessa relazione che si instaura tra soggetto pubblico, che organizza una offerta pubblica di prestazioni, rendendola doverosa, ed utenti. Il servizio è pubblico in quanto reso al pubblico e per la soddisfazione dei bisogni della collettività, nonché in ragione del fatto che un soggetto pubblico lo assume con legge rendendo doverosa la conseguente attività.
L’erogazione è la concreta attività volta a fornire prestazioni ai cittadini. Nelle forme di gestione contemplate dall’ordinamento è previsto anche l’intervento di privati.
Il contratto di servizio è lo strumento per disciplinare i rapporti tra amministrazione e soggetto esercente.
L’erogazione del servizio avviene con conferimento della titolarità del servizio a società: di capitali individuate;
a capitale misto pubblico; a capitale interamente pubblico.
Tipologie di servizi pubblici:
a)essenziali: l’art.43 C. si occupa della riserva operata con legge allo Stato, ad enti pubblici o comunità di lavoratori o di utenti di determinate attività ed individua, quale oggetto della riserva, le imprese che si riferiscono a servizi pubblici essenziali (si esclude la libertà di iniziativa economica);
b)indispensabili: sono finanziati dalle entrate fiscali che integrano  la contribuzione erariale;
c)sociali: finalizzati alla tutela del benessere della persona;
d)universale: insieme minimo di servizi disponibile a tutti gli utenti a prescindere dalla loro ubicazione geografica e ad un prezzo accessibile.
di Antonio Amato