Skip to content
Tesionline

APPROFONDIMENTI

Il sistema di difesa europeo: un’analisi dal punto di vista russo

31/01/2011

Il sistema di difesa europeo: un’analisi dal punto di vista russoI progetti americani per l'allestimento di una stazione radar in Repubblica Ceca e di una postazione di difesa antimissile in Polonia incontrano critiche sostanziali in Russia. I piani di stazionamento americani sono diretti non contro l'Iran, la Corea del Nord o altri Stati problematici o organizzazioni terroristiche, ma contro la Russia. L'attuazione dei piani, come il Presidente Putin ha avvertito nel corso della 43a Conferenza di Monaco sulla politica di sicurezza, "porterebbe inevitabilmente ad una corsa agli armamenti". Il Capo di Stato Maggiore russo Juri Balujewskij e il comandante delle truppe strategiche missilistiche, il generale Nikolaj Solowzow hanno minacciato l'uscita di Mosca dal Trattato sull'eliminazione delle armi nucleari a medio raggio (INF Treaty – Intermediate-Range Nuclear Force) ed hanno anche avvertito del fatto che le posizioni di difesa anti-missile in Polonia, in Repubblica Ceca "e in altri paesi" potrebbero diventare "obiettivi delle truppe strategiche missilistiche" delle forze armate russe. Inoltre, Putin ha associato il rifiuto degli Stati NATO di ratificare il Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa (CFE), che è stato adeguato nel 1999 alle nuove condizioni, all'allargamento ad Est della NATO e alla "invasione militare" degli Stati Uniti (US) e della NATO alle frontiere russe: se i membri della NATO non ratificassero l'accordo modificato entro la fine del 2007, come menzionato in un decreto del Presidente della metà luglio 2007, la Russia non si sentirebbe più impegnata alle norme del Trattato CFE del 1990 e 1991.

Nonostante le minacce, Putin gioca un ruolo chiave all’interno del G8. Sorprendentemente per tutti i partecipanti al G8, nel 2007 il Presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha proposto di utilizzare congiuntamente l'impianto radar affittato dalla Russia in Azerbaijan. "Ciò consentirebbe di rinunciare alla collocazione di complessi d'attacco degli Stati Uniti nel contesto del programma ABM (anche) nello spazio", ha spiegato. Nel corso della riunione con Bush a Kennebunkport nello Stato federale americano del Maine, Putin ha proposto l'uso comune di una stazione radar all'epoca ancora in costruzione ad Armavir, nel quartiere meridionale russo di Krasnodar. Inoltre, l'ex Ministro russo della Difesa e attuale vice capo unità del governo Iwanow Sergej ha spiegato che l'impianto radar potrebbe diventare parte di un sistema globale di difesa contro i missili balistici, in cui anche gli Stati neutrali come l'Austria, la Finlandia e la Svezia potrebbero partecipare.
Le reazioni russe sollevano importanti questioni:
• La Russia si sente minacciata dai razzi di difesa degli Stati Uniti in Europa e di conseguenza, le minacce di Mosca potrebbero essere prese sul serio? O si tratta di una reazione all'atteggiamento ufficiale in merito ai pericoli di medio termine legati all'Iran e ad altri Stati problematici del sud - per esempio il Pakistan, dopo una rivoluzione islamica - con l'obiettivo di creare con gli Stati Uniti un sistema globale di difesa contro i missili balistici?
• Dopo l'uscita dal KSE e l'azione lenta dell'INF, gli attacchi taglienti sulla politica americana militarista e il malcontento con il lavoro del consiglio NATO-Russia, le minacce significano che Mosca è a favore di una riorganizzazione completa della sicurezza europea? Oppure ci si crea troppi problemi sulle reali intenzioni politiche di sicurezza, perché il Cremlino torna essenzialmente solo alla tradizione della diplomazia sovietica dell'"uso delle contraddizioni tra e nei centri imperialistici di potere" – nelle attuali circostanze tra Stati Uniti ed Europa e tra la "vecchia" e "nuova" Europa?
• Poco prima della pietra che Putin ha lanciato in acque transatlantiche alla conferenza sulla sicurezza di Monaco e delle onde che si sono diffuse da allora su entrambi i lati dell'Atlantico, la modernizzazione del potenziale nucleare strategico di Mosca aveva come priorità l'armamento convenzionale. La campagna fornisce una base contro lo stazionamento dei sistemi di difesa americani in Europa, soprattutto per legittimare in ogni caso una spinta all'armamento già iniziata, per il nucleare-strategico o per le armi convenzionali?
• In che misura l'atteggiamento russo non è dettata da considerazioni strategiche e razionali, ma da fattori psicologici e tattici più difficilmente comprensibili?
• Infine, è da esaminare in che misura i fattori relativi alla politica interna entrano in gioco. Forse la dimostrazione di forza può contribuire ad un trasferimento senza problemi di potere alle elezioni presidenziali nel dicembre 2007 e alle elezioni parlamentari nel marzo 2008.
Di seguito, queste interpretazioni devono essere esaminate per la loro validità. Infine, la reazione dell'Occidente per l'atteggiamento russo deve essere spiegata, rimane da chiarire di seguito come si dovrebbe reagire l'Occidente all'atteggiamento russo.

************

Scarica il file .pdf per leggere l'articolo in versione integrale: Il_sistema_di_difesa_europeo.pdf

Tesi dell'autore: