Skip to content

Strategia di discriminazione di prezzo

Secondo la teoria neoclassica il prezzo è determinato dall’applicazione della regola RMa = CMa. Ma in genere le imprese, pur avendo come riferimento i concetti teorici della massimizzazione del profitto, a volte, nel modo in cui definiscono il prezzo, usano dei criteri che si allontanano da quello che la teoria indica. Quando si trovano a dover fissare il prezzo per i loro prodotti usano criteri più semplici e intuitivi. Uno di questi criteri è il cost plus pricing, che consiste nel mettere sul costo un’aggiunta, il mark up. Definiscono così il prezzo per il prodotto al consumatore finale. Il prezzo è dato dal costo variabile medio più il mark up. Prezzo = CVMe + markup %
Prezzo = (1 + m) CVMe
m = markup espresso in %
In un mercato perfettamente concorrenziale il prezzo è dato. Ma nella maggioranza dei mercati le imprese hanno almeno un certo ammontare di potere di mercato, la concorrenza perfetta è quindi un concetto teorico. Tendenzialmente nella maggior parte dei mercati le imprese dispongono di una certa discrezionalità in materia di prezzi. Se hanno potere di mercato e una certa discrezionalità in materia di fissazione di prezzi, queste imprese al fine di massimizzare i profitti, possono applicare dei prezzi non uniformi. Il prezzo non uniforme è un prezzo diverso che viene fatto pagare a diversi clienti sullo stesso prodotto, o il prezzo che viene fatto pagare allo stesso cliente ma che varia a seconda delle quantità che compra.
Una strategia di discriminazione di prezzo vuol dire che per lo stesso bene ci sono prezzi diversi. La discriminazione di prezzo è una strategia di prezzo non uniforme secondo cui un’impresa fa pagare a diverse categorie di clienti prezzi unitari diversi per lo stesso bene La discriminazione di prezzo è una strategia conveniente per l’impresa perché i consumatori che assegnano un valore elevato al bene lo pagano più di quanto farebbero se i prezzi fossero uniformi.
Tramite questa strategia le imprese possono massimizzare il loro profitto.
Esempi di prezzo non uniforme:
- CINEMA : il prezzo scontato lo fanno il mercoledì, anche se il prodotto è esattamente identico (è lo stesso film).
- ABBONAMENTI TRAM
- TASSE UNIVERSITARIE
- BUONI SCONTO
Tratto da ECONOMIA INDUSTRIALE di Valentina Minerva
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Diritto dell'Impresa

Appunti esaustivi per l'esame di - Diritto Commerciale - Vengono affrontati e definiti i temi dell’Impresa, della pubblicità, dell’azienda, del diritto d’autore e della concorrenza.