Skip to content

La struttura della proprietà d’impresa


In relazione alla struttura della proprietà ossia al vario combinarsi della compagine azionaria e della stabilità della compagine stessa si possono identificare alcune linee guida di costruzione della struttura finanziaria più opportuna. In particolare:
Maggiore è la concentrazione dell’azionariato e relativamente più conveniente è il ricorso all’indebitamento finanziario. Perché:
riduce il costo del capitale investito (in quanto il capitale di debito è già frutto di un processo di diversificazione che ha permesso di eliminare o ridurre il rischio sistematico);
genera un maggior controllo della proprietà sull’amministrazione con minori disallineamenti tra curve di utilità del management e della proprietà (principal – agent theory), permette di non intaccare il controllo dell’impresa (anche se in taluni casi quest’obiettivo risulta contrario alla massimizzazione del valore).
Maggiore è la stabilità della struttura proprietaria e relativamente più conveniente è l’utilizzo della leva finanziaria. Perché:
Assicura il più coerente respiro temporale agli investimenti d’impresa (soprattutto in attività intangibili)
Diffonde un sentimento di continuità nella comunità finanziaria che si esemplifica in un minor rischio percepito e quindi minori attese di remunerazione del capitale.
In sintesi, una compagine azionaria concentrata e stabile nel tempo consente di reperire le risorse finanziarie (innanzitutto di debito) a un minor costo del capitale e di creare maggiore valore economico.
Tratto da FINANZA D'IMPRESA di Alessia Chiovaro
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Finanza d'azienda

Appunti utili per l'esame di Finanza aziendale - dicembre 2011. I temi trattati sono: investimenti, Indici di bilancio, finanziamento a m/l termine, Riclassificazioni di bilancio, pianificazione finanziaria