Skip to content

IAS 36 – impairment of asset nel bilancio separato

Lo IAS 36 richiede che le immobilizzazioni immateriali aventi via utile indefinita o classificate come immobilizzazioni in corso siano testate per impairment almeno annualmente.
Con il passaggio dei bilanci separati gli IFRS, si pongono i seguenti problemi:
- verifica degli avvenimenti e delle altre attività immateriali iscritte nell’attivo di bilancio di ciascuna legal entità, anche se tali valori non sono riconosciuti a livello di consolidato;
- identificazione all’interno della legal entità, dei flussi di cassa delle sole CGU trasversali per il Gruppo (in quanto parzialmente condivise con altre legal entità).
Ciò comporta:
- costruzione di business plan per legal entity coerenti con le logiche sottostanti ai piani approvati dal CdA per il consolidato;
- valutazione dell’impatto per legal entity;
- gestione e valutazione dell’impatto sui sistemi informativi per la costruzione, sviluppo del piano e dell’eventuale impairment;
- trattamento dei transfer price;
- tasso di attualizzazione.
Le singole legal entity dovranno adottare i piani già predisposti ai fini del bilancio consolidato, considerando che:
- le CGU presenti nel bilancio separato della società oggetto di valutazione dovranno essere considerate come entità autonome e non potranno eccedere la dimensione della legal entity.
- Le operazioni intersocietarie tra legal entity, se realizzare a valori di mercato non dovranno essere rettificate per allineare i margini effettivi a quelli di mercato (Cfr. IAS 36, §71 – transfer price). In altri termini è possibile rettificare i flussi della CGU della legal entity unicamente per tenere in considerazione flussi intercompany non a valori di mercato.
- Il tasso WACC da utilizzare per l’impairment test potrà essere quello utilizzato per i piani di consolidato, in quanto segnaletico dei rischi e ritorni degli investimenti per il Gruppo.
Nel bilancio consolidato scompaiono le legal entity, le CGU vengono identificate prescindendo dalla dimensione della legal entity. Il limite superiore è rappresentato dal settore.


Nel bilancio separato la CGU ha un limite superiore nel perimetro della legal entity:


Per la valutazione delle recuperabilità del CIN/Attività della legal entity i flussi da considerare sono quelli riconducibili alle porzioni di CGU incluse nella legal entity. I flussi dervianti da operazioni intersocietarie devono essere rettificati solo se non a valori di mercato.

Tratto da INTERNATIONAL ACCOUNTING -CORSO PROGREDITO di Valentina Minerva
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

International accounting

Sintetici appunti della materia, nei quali si delineano i punti chiave dell'esame relativo alla redazione del bilancio consolidato. Numerosi esempi esplicativi ed esercitazioni che specificano il tema.