Skip to content

Storia e potere dal basso verso l’alto



Nel trattare circa le relazioni tra Occidente e Terzo mondo è importante parlare di traduttori, ne ricordiamo in particolare 3 dalla Giamaica, dalla Sierra leone e dal Dahomey ecco che arrivano Marcus, George e Prince, il primo tradusse la retorica anticolonialista nel linguaggio dei diritti civili e del Black Power, Prince fu presidente della lega per la difesa della razza nera fondata da lui stesso a Parigi, giunti ad Harlem per intervenire all’assemblea dell’UNIA.

Tali erano traduttori culturali attivi andati in occidente con l’obiettivo di costruire reti interculturali di attivismo e solidarietà trasnazionali.  Siamo negli anni '20.
Negli stessi anni Baghdad e Iraq vengono quotidianamente bombardate. Regno Unito e America non hanno mai smesso di minacciare. Vogliono il petrolio.
La Gran Bretagna utilizzò la propria aviazione RAF per volare a bassa quota, fotografare e studiare i territori, centimetro per centimetro, loro conoscono ogni parte.
I villaggi interni vengo sterminati, i gas mutilanti vengono gettati, si muore, si uccide. L’orgoglio iracheno di contro, è forte, e non si lascia intimidire, seppur è dura, l’azione violenta e di minaccia delle forze occidentali. Ma quale indipendenza di Siria, Palestina e Libano, Britannici e Francesi controllavano ancora i territori rivolgendosi alla lega delle Nazioni che concedeva mandati che legittimassero i colpi.

1955, Suez, i britannici furono sconfitti dagli hashemiti. Cambiò qualcosa? No, loro continuavano ad avere il petrolio che volevano. Ora dicono che noi siamo la minaccia, ma vogliamo parlare di loro? 3 raid aerei al giorno, mi sembrano più che una giustificazione. Ci hanno uccisi per decenni, dicono, bomba dopo bomba. Il problema è che Loro, gli iracheni non sono mai stati una preda facile e siamo disposti a farci bombardare per l’eternità piuttosto. Dal 1920 ad oggi la questione rimane la medesima. La RAF non dà scampo.
Tratto da INTRODUZIONE AL POSTCOLONIALISMO di Marianna Tesoriero
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Strategie dell'occhio. Saggi di etnografia visiva

Appunti utili per l'esame di - Antropologia visuale - Ci si sofferma in particolare sulla fotografia, sul cinema, sul videotape e sui sistemi video-informatici in rapporto con la ricerca etnografica e la riflessione antropologica.