Skip to content

Il rapporto tra arte e rivoluzione industriale

Il rapporto tra arte e rivoluzione industriale


Alcuni soggetti privilegiati, temi e problemi, possono far sviluppare la storia sociale dell’arte. Si tratta di elementi svariati che vanno dalla condizione dell’artista alle istituzioni sociali e corporative, dagli investimenti artistici ai rapporti tra storia della tecnica e della tecnologia e storia dell’arte, dal problema della recezione a quello delle generazioni, a una sorta di iconografia sociale.

ARTE E RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

In quali modi e per quali vie agli inizi della vicenda si sono stabiliti nessi tra il fenomeno arte e il fenomeno rivoluzione industriale? In che modo cioè il rapido incremento della meccanizzazione, la rigida divisione del
lavoro nel processo produttivo e il nuovo rapporto instauratesi tra scienze e tecniche ebbero conseguenze, e di che genere in questo particolare campo? In che modo teorie e forme artistiche furono influenzate da una
situazione radicalmente nuova? In primo luogo il mutamento socio-economico e politico che accompagnò la rivoluzione industriale fu fortemente risentito dagli artisti; si pensi a fenomeni di crescita della città e il loro mutamento non solo nell’aspetto ma anche nella funzione (nasce la figura dell’ingegnere civile e il designers si misura con nuovi mezzi e metodi di produzione). La polemica contro la società delle rivoluzione industriale alzò sulle proprie bandiere l’insegna del ritorno al Medioevo, considerato come un’epoca di sviluppo organico della società e di rapporti organici tra l’uomo e il suo environment, dal passaggio al manufatto. L’Ottocento fu caratterizzato da un proliferare di stili; la generale fiducia che ebbe l’età della macchina per superare e riassumere in sé le esperienze delle età precedenti, permise agli elementi di un determinato sistema simbolico-formale di essere recuperati, pur di fronte alla mutazione radicale dei modi e dei rapporti della produzione, dei suoi canali di diffusione, dei suoi metodi, dei suoi valori. È un’ età di grandi speranze, rivoluzioni, continuità tra scienza e arte. Le radici della rivoluzione industriale le troviamo in Inghilterra nel periodo in cui per diventare una potenza marittima dovette costruire navi che attraversassero l’oceano, produrre stoffe e merci finite, sopperire ai bisogni delle città in rapido sviluppo. È il periodo dei grandi mutamenti tecnici che cominciavano a cambiare l’economia, costruzione di canali e strade, invenzione della macchina a vapore.
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.