Skip to content

Il "potere" comunicativo delle parti del discorso




Il termine "parti del lessico" deriva dal greco, e successivamente dal latino, in cui vengono definite come partes orationis, cioè le parti in cui si articola il lessico.
Una classe è un insieme particolare in cui gli elementi condividono delle proprietà.  Ciascuna delle parti del discorso rispecchia la realtà secondo una proprietà specifica, secondo una propria prospettiva: ci si serve di un nome per riferirsi a qualcosa mentre si utilizza un aggettivo per indicare una proprietà, una relazioni (es.: casa indica una cosa che ha un certo modo d’essere; giallo indica un certo modo d’essere che deve essere associato a qualcos’altro).
La proprietas, cioè la prospettiva specifica di una parte del discorso di rispecchiare la realtà, accomuna tutti i membri della classe lessicale. Le parti del discorso sono presenti in tutte le lingue: è impossibile avere una lingua dove tutte le parole possano svolgere indistintamente qualsiasi funzione sintattica. Ciascuna parola, in quanto possiede determinate proprietas semantiche, svolge certe funzioni sintattiche e non altre. Particolare è la categoria del perlopiù: indica che il rapporto fra strutture e funzioni è preferenziale. Si tratta più di indicazioni che di regole: non tutti i verbi indicano attività (es.: dormire =  inattività), non tutti i nomi si riferiscono a cose. Le parole si distinguono in rapporto alle diverse funzioni che possono svolgere all'interno di una combinazione significativa.

Le parti del discorso si caratterizzano secondo tre aspetti:

1. Aspetto morfologico: come il lessema configura le sue forme di parola, quanti e quali categorie morfematiche prevede.

2. Aspetto sintattico: come le forme del lessema si comportano nell'enunciato.

3. Aspetto semantico: fa riferimento ad un aspetto particolare della semantica, viene analizzato sia il valore privato del verbo sia il significato che esso ha in quanto verbo (ad esempio il verbo è portatore della funzione predicativa in quanto gli vengono applicati diversi argomenti).

Il verbo (V) occupa la posizione centrale, in quanto il suo ruolo è fondamentale; c’è poi l’ articolo (Art), il nome (N), l’ aggettivo (Agg), e il pronome (Pro), seguito dalla preposizione (Prep), dall' avverbio (Avv) e dalla congiunzione (Cong).

Tratto da LA COMUNICAZIONE VERBALE di Melissa Gattoni
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

  • Autore: Melissa Gattoni
  • Esame: Linguistica generale
  • Titolo del libro: La comunicazione verbale
  • Autore del libro: Eddo Rigotti; Cigada Sara
  • Editore: Apogeo
  • Anno pubblicazione: 2004

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.