Skip to content

Progressi della teoria delle fluttuazioni cicliche

I recenti indirizzi della ricerca economica moderna sono:
Teoria del ciclo economico reale, secondo la quale le fluttuazioni economiche di breve periodo possono essere spiegate mantenendo l’ipotesi del modello classico; tale teoria ipotizza la perfetta flessibilità dei prezzi, anche nel breve termine. In questa formulazione teorica le variabili nominali (come l’offerta di moneta e il livello dei prezzi) non influenzano le variabili reali come l’occupazione e il reddito. Nella definizione di ciclo economico reale il termine “reale”, si riferisce all’esclusione delle variabili nominali dalla spiegazione delle fluttuazioni economiche di breve periodo.  
Nuova economia keynesiana che si basa sulla premessa che i modelli di mercati in equilibrio (come la teoria del ciclo economico reale) non possono spiegare le fluttuazioni economiche di breve periodo. Secondo Keynes la domanda aggregata è la principale determinante del reddito nazionale nel breve periodo. I nuovi keynesiani accettano questa conclusione fondamentale e ricorrono a modelli con prezzi e salari vischiosi (accettano l’interpretazione del modello IS-LM come teoria della domanda aggregata).
Tratto da MACROECONOMIA di Alessia Chiovaro
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.