Skip to content

Tempi che cambiano


Gli eventi seguono i tempi dell’anno, dall’autunno-inverno, periodi per lo più lavorativi, le manifestazioni si svolgeranno in luoghi chiusi e principalmente nelle metropoli, mentre in primavera si avrà lo spostamento dal chiuso all’aperto con lo sfruttamento dei parchi e delle strutture outdoor. Cosi per l’estate, quando gli eventi slitteranno principalmente nei posti di vacanza. Non solo le stagioni, ma anche le feste più importanti (come Natale o la Pasqua) mediano la presenza di eventi.
Ma a parte queste ricorrenze tradizionali, vi sono “tempi” innovativi, che vengono sfruttati per l’organizzazione degli eventi. Un esempio sono gli happyhour, oppure la notte bianca…  ovvero nuove occasioni per relazionarsi.
Tratto da MARKETING PER GLI EVENTI CULTURALI di Priscilla Cavalieri
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.