Skip to content

Il lessico italiano e i prestiti da altre lingue


Il lessico dell’italiano, come il lessico di qualsiasi altra lingua naturale, non ha tanto una precisa data di nascita, quanto un periodo di incubazione durato qualche secolo. La scarsità di frammenti in volgare pervenutici è conseguenza di un ridotto uso scritto del volgare prima del 1200. Alcune delle parole menzionate (gabia, vaca, dinaro) hanno una forma diversa da quella odierna, che rivela appunto la regionalità dei volgari da un lato, l’influenza della grafia latina dall’altro.

Distinguiamo vari tipi di prestiti: prestito non adattato, adattato o integrato e calco. Dal punto di vista della motivazione, distinguiamo prestiti di lusso e di necessità. Tale distinzione è pratica ma, come ricorda Zolli, pecca di semplicismo: infatti la necessità assoluta di un prestito non esiste; ogni lingua possiede i mezzi per indicare nuovi oggetti o concetti senza ricorrere a parole straniere.

Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

La comunicazione verbale

Appunti dedicati alla struttura del linguaggio in cui si affrontano i temi delle scienze del linguaggio, come lessico, grammatica e sintassi riletti nella prospettiva delle scienze della comunicazione.