Skip to content

I conti funzionanti

Il conto è una serie ordinata di scritture riguardanti un dato oggetto del quale si vogliono conoscere sia la grandezza iniziale sia le successive variazioni. I conti possono essere quantità fisiche (chilogrammi, litri) o quantità monetarie (valori).
Sono conti funzionanti a quantità fisiche i conti intestati a singoli articoli merceologici nella contabilità di magazzino allo scopo di rilevare per ciascuna merce la consistenza iniziale, le operazioni di carico e scarico, la consistenza finale.
Sono conti funzionanti a quantità monetarie (valori) i conti che registrano le variazioni intervenute nel denaro, nei crediti, nei debiti o che rilevano gli importi di costi e servizi.
I conti funzionano necessariamente  a valori quando hanno per oggetto un insieme di elementi non omogenei e quando funzionano tra loro collegati in modo da formare un sistema di conti, come accade nella contabilità generale.
In tali casi lo strumento con il quale si convertono le unità fisiche in valori è dato dalla moneta di conto (attualmente l'EURO).  
I conti si distinguono in:    
      a) conti analitici: sono accesi a un oggetto elementare; es. il conto Merci  beta  c/acquisti;
      b) conti sintetici (detti anche di mastro): sono accesi a un oggetto che riunisce più oggetti elementari, tra loro sufficientemente affini od omogenei; sono sintetici: il conto Banche c/c, che riassume il rapporto in essere con più aziende di credito; il conto Crediti v/clienti, che riepiloga i movimenti intervenuti nei vari conti analitici intestati ai singoli clienti.
I valori accolti nei conti analitici sono assai più omogenei di quelli rilevati nei conti sintetici. Per esempio i conti analitici Autovetture, Autocarri accolgono ciascuno valori relativi a specifici mezzi di trasporto, mentre il conto di mastro Automezzi sintetizza valori di differente origine, relativi a beni di diversa natura.  In un'azienda si dispone sia di conti particolareggiati che di dati riassuntivi; si utilizzano quindi sia i conti analitici facenti parte delle contabilità sezionali, sia i conti sintetici, appartenenti alla contabilità generale
Il prospetto che accoglie le scritture di un conto si compone di più colonne, il cui numero varia a seconda dell'oggetto del conto, della quantità di informazioni che si vogliono rilevare e della forma del conto stesso.
Di solito si riscontra una colonna per la data delle operazioni, una per la descrizione, una o più colonne per le quantità.
Tratto da RAGIONERIA di Vera Albanese
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Finanza d'azienda

Appunti utili per l'esame di Finanza aziendale - dicembre 2011. I temi trattati sono: investimenti, Indici di bilancio, finanziamento a m/l termine, Riclassificazioni di bilancio, pianificazione finanziaria