Skip to content

Semiotica:

Per una semiotica del linguaggio visivo contiene quattro saggi di Meyer Schapiro, di cui tre inediti, sul rapporto fra parola e immagine, pubblicati fra gli anni Sessanta e Settanta. La traduttrice e curatrice Giovanna Perini ci aiuta a mettere a fuoco l’"altro" aspetto, meno noto, dello studioso americano, che è quello del semiologo. Attento al "messaggio" e al "tema" dell’opera d’arte nel solco - ma con importanti distinguo - della Scuola di Warburg, Schapiro è altrettanto sensibile alla forma, che egli accosta a quella delle parole, rintracciandone, con precocità rispetto allo strutturalismo, una sorta di grammatica. Sottolinea,la Perini, la sua straordinaria capacità di rintracciare la teoria muovendosi a ridosso dell’opera d’arte e di inventare sempre nuove "letture". La postfazione di Lucia Corrain "sistema" tutto quanto il pensiero di Schapiro, che reputa un gigante dell’analisi visiva.

Indice dei contenuti:

 

Dettagli dei contenuti:

  • Autore: Alessia Muliere
  • Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  • Facoltà: Scienze Umanistiche
  • Titolo del libro: Per una semiotica del linguaggio visivo
  • Autore del libro: Meyer Schapiro

Per approfondire questo argomento:

Valuta questo appunto:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.