Skip to content

La dottrina di Bentham

Il diritto è un complesso di comandi emanati dal legislatore investito di quest'ufficio dal sovrano potere dello Stato.  Egli è rappresentante della scuola non storica.
La dottrina di Bentham può costituire, insieme a quella dei giusnaturalisti, un esempio delle concezioni che intendono il diritto come un sistema indipendente rispetto al sistema sociale, come uno strumento di cui si serve il potere sovrano dello Stato per conservare o trasformare l'assetto sociale esistente. Ma Bentham respinge il fondamento metafisico del diritto a cui i giusnaturalisti fanno riferimento e sostituisce ai concetti medesimi, sperimentalmente non verificabili, un principio a suo giudizio sperimentalmente verificabile: il principio dell'utilità, per cui lo scopo della legislazione deve essere quello di procurare la massima felicità al maggior numero possibile di individui.
Il suo celebre progetto è il “Panopticon”, progetto oggi tanto discusso, di un nuovo sistema penitenziario per custodire i detenuti con maggior sicurezza ed economia, per assicurare la loro buona condotta, per provvedere al loro reinserimento nella società; progetto ricco di interessanti considerazioni sociologiche sulla distinzione dei sessi e delle classi fra carcerati, sulla loro vita di gruppo, sul tempo libero, ecc.

Tratto da SOCIOLOGIA DEL DIRITTO di Alexandra Bozzanca
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

  • Autore: Alexandra Bozzanca
  • Università: Università degli Studi di Bologna
  • Facoltà: Giurisprudenza
  • Corso: Giurisprudenza
  • Titolo del libro: Sociologia del diritto. Origini, ricerche, problemi
  • Autore del libro: Renato Treves
  • Editore: Einaudi
  • Anno pubblicazione: 2002

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.