Skip to content

Chester Barnard - Fondazione etica della società e management non proprietario


Chester Barnard apporta due cambiamenti:
- progressivo declinare dell’individualismo utilitaristico a favore di una filosofia che considera la società come un’entità cooperativa regolata da principi morali. L’individualismo concepiva la società come una lotta alla sopravvivenza tra individui isolati che agiscono in base a calcoli utilitaristici.
- il secondo cambiamento riguarda la classe dirigente e la progressiva distinzione tra proprietà e management, portando alla creazione di una figura sociale nuova: manager non proprietari.
L’uomo sperimenta continuamente l’esistenza dei limiti (fisici, biologici, sociali, mentali ecc); il modo più efficace per superarli è passare dallo sforzo dell’individuo isolato alla cooperazione tra più persone.
Due elementi fondamentali nella costruzione teorica di Barnard sono:
- il rapporto tra aspetti informali e formali della cooperazione umana
- distinzione tra fini organizzativi e moventi personali
Tratto da STORIA DEL PENSIERO ORGANIZZATIVO di Priscilla Cavalieri
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.