Skip to content

Il monologo del burattino di Collodi

Il monologo del burattino di Collodi



In mezzo ai due dialoghi è inserito il lungo racconto che il buratini fa delle sue recenti disavventure, di un'ampiezza simile solo a due altri monologhi del libro, ai capp. 17 e 24. In questo caso la regia stilistica di Collodi si avvale, molto significativamente, di tutt'altro registro rispetto al rimanente del capitolo. Dal punto di vista tematico il racconto di Pinocchio è dominato dall'ossessione della fame, che fa evidentemente aggio sul problema dei piedi bruciati, tanto che è l'unica cosa che dapprima Geppetto capisce della situazione; appunto fame ne è la parola chiave, eccezionale per insistenza nonostante la tendenza collodiana alla ripetizione, che abbiamo osservato in altri luoghi del capitolo.
È soprattutto lo stile sintattico a sterzare in questo vero e proprio pezzo di bravura di Collodi, azzeccatissima mimesi di un parlato del tutto particolare con cui lo scrittore cambia completamente le proprie carte in tavola. Quanto il suo fraseggiare è generalmente breve, limpido e razionale, messo ulteriormente in rilievo come tale dall'ariosità della paragrafratura, altrettanto il racconto di Pinocchio si aggroviglia in modo irrazionale per ben quindici righe, con un solo punto fermo da 32 a 38. Le subordinate sono minime, semplici, e i vari episodi di questa sorta di concentrato favolistico sono collegati quasi sempre dalla congiunzione e, spesso secondo lo schema oppositivo, tipico dell'egocentrismo del burattino, e lui – e io. Questa cascata esprime inevitabilmente l'accumulazione e il disordine a dispetto dell'ordine che regola il rimanente del capitolo: nella rievocazione di Pinocchio saltano i rapporti temporali di prima – dopo a favore di un continuo hysteron proteron, e ancor più saltano i logici rapporti di causa ed effetto, ed è per questo che sentiamo di continuo in bocca al burattino delle pseudo – causali: prova ne sia, motivo per cui, perché avevo. E a sottolineare ancora immediatezza infantile e affannosità vertiginosa del racconto sta pure il fatto che mentre nei dialogati del capitolo Collodi varia attentamente, come visto, i verba dicendi, qui si sussegue in esclusiva dire, anche in enunciazioni molto ravvicinate; in ciò pure Pinocchio non sembra poter districarsi dal cumulo ossessivo e quasi inanalizzabile delle sue recenti avventure, che lo travolge costringendolo ad espressioni elementari e fortemente reiterate.

Tratto da STORIA DELLA LINGUA ITALIANA di Gherardo Fabretti
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

La società aperta nel difficile cammino della modernità

Appunti sul libro di Rocco Pezzimenti "La società aperta nel difficile cammino della modernità". Viene analizzata l'evoluzione della società aperta nella filosofia di Hume, Gucciardini, Burke, Croce...