Skip to content

Gli elementi del contratto: accordo, oggetto, causa e forma


Articolo 1325 c.c.: Accordo, Causa, Oggetto, Forma

L'accordo
E' l'incontro della volontà delle parti (proponente e accettante) su ogni singola parte del contratto. Nel momento in cui vi è l'incontro di volontà, il contratto è concluso.
L'incontro di volontà è il momento nel quale il proponente viene a conoscenza dell'accettazione da parte della controparte. Il proponente può eventualmente revocare la sua proposta ma prima di una risposta. L'accettante può revocare prima che la sua risposta sia arrivata.
Vizi della volontà: portano all'annullamento del contratto
1. Errore: Di fatto (mancata conoscenza di avvenimenti e situazioni di fatto), di diritto (mancata conoscenza di norme di diritto). Per portare all'annullamento del contratto l'errore deve essere essenziale e riconoscibile dall'altro contraente.
2. Dolo: Il consenso è avvenuto attraverso un inganno, senza il quale la controparte non avrebbe concluso il contratto
3. Violenza psichica: Minaccia verso un contraente, anche se essa viene da un terzo

L’oggetto
Insieme delle prestazioni dedotte nel contratto
4. Possibile al momento della produzione degli effetti
5. Lecito al momento della conclusione del contratto
6. Determinato/Determinabile

La causa
Funzione economico-sociale svolta nel contratto all'interno dell'ordinamento. Deve essere lecita e meritevole di tutela

La forma
Nel nostro ordinamento vige il principio della libertà delle forme il quale può subordinare delle deroghe, come per esempio quello di avere una forma scritta per la validità del contratto. La forma deve coprire elementi essenziali.
Tratto da APPUNTI DI DIRITTO DEL LAVORO di Davide Monteverde
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: