Skip to content

Parole. Le commentaire e la voce acusmatica in Marker


La Jetée inizia con un'immagine del molo di Orly dove avviene la tragica scena della morte dell'uomo, ma la nostra attenzione è guidata dalla voce-off , o meglio, dal "commentaire" come Marker lo definisce, verso il bambino ed il volto di donna che lo ossessionerà per tutta la vita. Le commentaire, riveste una parte fondamentale nel film poiché tramite una fluida e poetica narrazione fa entrare lo spettatore in perfetta sintonia con le immagini che durante la visione non ostacolano affatto la comprensione con la loro staticità.
Questa voce senza corpo e senza tempo potrebbe essere definita una voce "acusmatica" per usare un termine di M.Chion, ma nel cinema di Marker la questione del commento è particolare. Ricordiamoci che è un documentarista e di norrna in tutti i documentari il commento è un supporto esplicativo alle immagini che altrimenti sarebbero poco chiare.
In Marker il commentaire ha un'altra funzione: fornisce dei rimandi ipertestuali che descrivono la realtà prodotta dalle situazioni filmate. Ad esempio, quando in "Le fond de l'aire est rouge" (un suo documentario del 1977) mostra all'inizio alcune sequenze di "La corazzata Potemkin", la scena si svolge senza alcun riferimento alle parole, o perlomeno senza alcun riferimento apparente. Un altro esempio può essere "Les statues meurent aussi", un documentario sull'arte africana, realizzato da Marker e Alain Resnais nel 1953. In questo film dal linguaggio innovativo, ad immagini di statue ed opere d'arte africane viene sovrapposto un commento che più che spiegare, riflette: "quando gli uomini sono morti, essi entrano nella storia. Quando le statue sono morte, esse entrano nell'arte. E noi chiamiamo cultura questa botanica della morte."
Si potrebbero riempire pagine di esempi se si analizza la vasta produzione markeriana ma quello che preme spiegare è come questo tipo di commento sia applicato a La Jetée.
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro