Skip to content

Violazione della correzione del regolamento


Più delicata è la possibilità di correzione o integrazione da parte del giudice, secondo il criterio suggerito dai Principi di diritto europeo dei contratti.
Nei vari ordinamenti nazionali il problema è affrontato in modo diverso.
Se la buona fede è considerata, nella giurisprudenza italiana ed europea, una regola di governo della discrezionalità del potere dei contraenti e se essa integra le stesse norme di validità, non è affatto azzardato affermare che il giudice possa, in alternativa o in conseguenza dell’annullamento di parte del contenuto, operare quelle modifiche conformi all’intrinseca razionalità dell’operazione voluta dalle parti.
Tratto da DISCIPLINA GIURIDICA DEI CONTRATTI di Stefano Civitelli
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.