Skip to content

Tipologia dei piccoli imprenditori

- Autodatore di lavoro (l'obiettivo è di dare un lavoro a sè stesso);
- datore di lavoro (gli operai sono meri esecutori delle mansioni);
- imprenditori-amministratori (seguono la gestione e l'amministrazione dell'azienda);

- piccoli imprenditori-manager ( non si fuoriesce perciò da un clima di carattere familiare presente nell'azienda).

Per quanto riguarda il comportamento strategico del piccolo imprenditore:
- Gli obiettivi che ha sono personali;
- nel rapporto prodotti/mercato individua il monoprodotto;
- non vuole delegare i ruolo perchè ha le capacità manageriali;
- nelle organizzazioni e risorse non ha competenza.

Obiettivi:
a) Sopravvivenza della propria azienda e stabilità;
b) Logica incrementale ( fa investimenti aggiuntivi).
Competitività: non gli interessa una competenza basata sulle decisioni, ma il successo e la continua attenzione che egli pone giorno dopo giorno a ciò che accade nell'interesse dell'azienda; il che porta alla creazione di un ambiente poco formailzzato.

Tratto da ECONOMIA AZIENDALE di Vera Albanese
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Riorganizzazioni Aziendali

Appunti delle lezioni del Corso in Riorganizzazioni Aziendali del Prof. Campra - a.a. 2010/2011