Skip to content

I processi di produzione. Caratteristiche dei servizi


A partire dagli anni ’70 con il “processo di terziarizzazione dell’economia”, soprattutto nei paesi industrializzati, è aumentata l’importanza nell’economia del settore dei servizi a cui la dottrina fino agli anni 70 ha riservato scarsa attenzione rispetto al settore industriale.  Le caratteristiche dei servizi che non consentono l’utilizzazione degli approcci tradizionali della produzione industriale sono:
- Intangibilità, che è forse il più importanti tra caratteri dei servizi. L’intangibilità non si riflette solo sui sensi, ma anche sulla possibilità di poter valutare, di poter “comprendere” i benefici ottenibili dai servizi, il che si traduce in una valutazione soggettiva degli stessi sulla base degli attributi tangibili che si possono individuare, o anche nella necessità di fare ricorso alla esperienza di altri consumatori.
- Interazione tra produzione e consumo (con testualità), il che incide molto sul processo di erogazione dei servizi e sul consumatore che partecipa attivamente al processo stesso.
La mancanza della proprietà nel processo di vendita. Ciò si traduce per il consumatore nel diritto all’erogazione di un servizio e non nella proprietà di qualcosa
La deperibilità, che impedisce ai servizi prodotti di essere conservati o immagazzinati; la impossibilità di operare con le scorte per far fronte alle variazioni della domanda che si presentano nel tempo influisce moltissimo sulla capacità produttiva e sulla possibilità di sfruttare economie derivanti da un utilizzo ottimale degli impianti.
L’eterogeneità, caratteristica dovuta alla forte intensità del fattore lavoro esistente nel processo di produzione/erogazione con conseguenze sulla possibilità di poter standardizzare i servizi offerti, con influenza sulla percezione e valutazione della qualità da parte del consumatore.
La difficoltà di ostentazione per i consumatori (nel descrivere il contenuto di un sevizio), che rende impossibile per le imprese di servizi cercare di soddisfare alcune esigenze di status o di qualificazione
La regolamentazione statale. Che nelle aziende di servizi pubblici vincola i comportamenti delle aziende limitandone l’autonomia.
Alcuni ritengono impossibile effettuare nella pratica una netta distinzione tra beni e servizi (sempre più infatti i servizi sonno prodotti con modalità proprie della produzione industriale mentre i beni sono sempre più arricchiti da servizi); ciò ha condotto ad un superamento dell’originaria dicotomia per l’adozione di una categoria unica (quella del prodotto) inteso come output di un processo produttivo. La distinzione dunque sussiste in relazione alla modalità con cui si organizza la connessione tra produttore e fruitore:
- si ha un servizio quando il rapporto tra le due parti dello scambio è di tipo interattivo (rapporto congiuntivo), ossia ambedue contribuiscono alla definizione della prestazione
- si ha un bene se il rapporto tra le due parti è di puro mercato (rapporto disgiuntivo) basato cioè solo sullo scambio della prestazione da una parte all’altra.

Il concetto di produzione
La vita di un’azienda è caratterizzata da un insieme di attività e di operazioni interrelate tra loro e finalizzate al raggiungimento degli scopi per i quali l’azienda stessa esiste; tra esse un ruolo cruciale riveste la produzione: attività comprendente tutte quelle operazioni – materiali e immateriali - necessarie alla realizzazione del prodotto/servizio.
L’attività di produzione si concretizza in un incremento di utilità che è messa a disposizione del cliente attraverso la cessione del prodotto finito. 

Fasi del processo produttivo. In termini generali il processo di produzione può essere ricondotto a 3 fasi:
* Acquisizione dei fattori produttivi
* Trasformazione
* Immagazzinamento (laddove possibile, es. gas e servizio idrico) e/o distribuzione del prodotto finito.
Queste 3 fasi (comuni a tutti i processi produttivi)sono distinte a volte solo ideologicamente poiché nella realtà alcune possono presentarsi congiuntamente.
Per alcune tipologie di servizi pubblici, che presentano caratteristiche tipiche dei prodotti di carattere industriale (energia elettrica, gas, raccolta e smaltimento rifiuti) queste tre fasi sono separabili e facilmente individuabili. Per altri servizi pubblici, che invece assumono le caratteristiche proprie dei servizi puri (sanità, istruzione, etc), i processi produttivi ricalcano i caratteri della produzione personalizzata con difficoltà di separazione e individuazione delle fasi della trasformazione tecnica e della distribuzione/erogazione.
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.