Skip to content

Storia naturale delle malattie


Distinguere tra malattie:
- Infettive: caratterizzate dall’esposizione di agenti patogeni responsabili e con possibile contagio; il periodo di incubazione può variare da qualche ora a mesi, pii comparsa di sintomi aspecifici. La malattia conclamata è la fase in cui si manifesta la sintomatologia clinica specifica; l’esito finale può essere morte, guarigione, cronicizzazione. A volte si instaura la condizione di portatore sano (la persona alberga un agente infettivo in assenza di segni clinici)
- Cronico – degenerative: non sono implicati agenti ben definiti ma una serie di elementi (fattori di rischio), il periodo in cui essi esplicano la loro azione è detto fase di latenza, poi fase preclinica (la malattia è in atto ma il paziente non avverte sintomi) poi fase conclamata (ogni approccio terapeutico non apporta grandi modifiche).

Il confine tra i 2 tipi di malattie può non essere così netto (per es. tubercolosi).

Fattori di rischio: possono essere attribuiti alle persone o elementi a cui la persona è esposta che aumentano la probabilità di compara di una malattia; include componenti ereditarie (anomalie cromosomiche), ambientali, comportamentali. Riassunti in:
- Componenti genetico – ereditarie: insiti nell’individuo, non rimovibili
- Ambientali: tipiche del luogo in cui la persona vive, per es. inquinamento, modificabili con cambiamento dell’ambiente o interventi di sanità pubblica
- Fattori nocivi negli ambienti di lavoro: modificabili con cambio ambiente, protezione del lavoratore
- Abitudini individuali: rimovibili se la persona disposta al cambiamento

I fattori di rischio pur aumentano la probabilità di malattia non è una condizione che ne determina obbligatoriamente lo sviluppo.

Tratto da ELEMENTI DI METODOLOGIA EPIDEMIOLOGICA di Antonella Bastone
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro