Skip to content

Asse ipofisi-gonade maschile


In ogni testicolo, vicino ai tubuli seminiferi, ci sono numerose cellule chiamate cellule interstiziali di Leydig che, sotto l’influenza dell’LH, producono testosterone; questo a sua volta ha un effetto di feed-back sull’LH. Il testosterone è responsabile della discesa dei testicoli nello scroto, che avviene nell’ultimo mese di gestazione. La discesa è necessaria perché la formazione dei gameti maturi necessita di una temperatura più bassa rispetto a quella addominale. La muscolatura dello scroto ha il compito, contraendosi o rilasciandosi dipendentemente dalla temperatura dell’ambiente, di avvicinare o allontanare i testicoli dal calore corporeo. La incompleta discesa di uno o entrambi i testicoli nella borsa scrotale si definisce criptorchidismo e la sua correzione precoce è indispensabile.
Nel periodo pre-puberale le gonadotropine e il testosterone sono bassi, il primo segno di avvento della pubertà è l’aumento notturno di LH a cui segue l’aumento del testosterone.
La spermatogenesi poi richiede una normale secrezione di FSH, ma anche elevati livelli di testosterone. Le cellule di Sertoli intervengono nella coordinazione della spermatogenesi e nelle funzioni endocrine del testicolo elaborando, per azione dell’FSH, una proteina (ABP = androgen binding protein) che favorisce l’accumulo locale del testosterone prodotto dalle cellule interstiziali e ne permette il trasporto alle cellule seminali. Le cellule del Sertoli producono anche l’inibina.
Gli androgeni nella pubertà hanno diversi effetti, i principali sono: “modificano i genitali esterni e l’apparato pilifero, aumentano la sudorazione, modificano la laringe, aumentano la massa muscolare, sviluppano la libido”.

Nell’età adulta invece gli androgeni principalmente: “mantengono il pelo terminale, determinano alopecia androgenica (= assenza totale o parziale dei capelli), mantengono la massa muscolare e la spermatogenesi, mantengono la libido e la potenza”.

Frequentemente può verificarsi una dilatazione del sistema venoso all’interno dello scroto detta varicocele che si correla a infertilità e atrofia del testicolo; spesso è asintomatico.
La percentuale di soggetti con bassi livelli di testosterone aumenta con l’età, ma l’uso del testosterone nell’anziano come terapia sostitutiva di androgeni è controverso; infatti un loro abuso può causare infertilità, carcinoma prostatico, obesità viscerale, dislipidemia, aterosclerosi, epatotossicità. La terapia sostitutiva è giustificata e obbligatoria in caso di ipogonadismo.

Tratto da ENDOCRINOLOGIA di Lucrezia Modesto
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: