Skip to content

Definizione di diabete

Termine che deriva dal greco e significa “passare attraverso”, allude al frequente passaggio di urina provocato dalla malattia. Questa è autoimmune (i linfociti T aggrediscono e fagocitano le cellule β), prevale nei bambini tra i 6-10 anni e tra i 15-20 anni (6-7 per 100.000 bambini in età scolare in Liguria) ed è causata da fattori genetici (HLA), fattori ambientali (es. infezioni come l’influenza o certi virus che si integrano nel DNA delle cellule β), fisiologici, metabolici.  Esso può essere:
- Mellito, urine dolci (di tipo I e di tipo II)
- Insipido, malattia dell’ipofisi posteriore caratterizzata dalla mancanza dell’ormone antidiuretico (vasopressina) che concentra l’urina, pertanto questa risulta più diluita (anche l’alcol e il fumo inibiscono questo ormone determinando una maggiore urinazione).
- Monogenico, il gene interferisce sulla funzione delle cellule β, che liberano insulina stimolate dall’ingresso di glucosio nelle cellule attivando la glicogenesi e producendo ATP; oppure le cellule β, per un processo apoptotico, pian piano scompaiono.
- Secondario, si sviluppa in presenza di infiammazioni, cure cortisoniche ecc..
- Mellito Gravidico o gestazionale, si ha quando la placenta produce ormoni diabetogeni (soprattutto lattogeno placentare) specialmente in donne in sovrappeso, di età avanzata, ecc..; pertanto è necessario uno screening alla 24° settimana di gestazione per evitare patologie gestazionali.
Tratto da ENDOCRINOLOGIA di Lucrezia Modesto
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro