Skip to content

Dieta Arthur Agaston

Dieta Arthur Agaston


Propose un regime, quello previsto dalla dieta South Beach, che raccomanda il consumo di grassi “giusti”, cioè quelli che rendono il pasto piacevole e proteggono i vasi sanguigni. Ma senza eliminare del tutto i carboidrati, semplicemente scegliendo quelli “buoni”.  La dieta di South Beach può essere definita qualitativa e non quantitativa: non interessano infatti il conteggio delle calorie e dei grammi, ma piuttosto il tipo di alimenti permessi. Carboidrati e grassi non vengono banditi, ma suddivisi in buoni e cattivi.
In uno studio sono stati presi in considerazione i soggetti che stavano seguendo quattro delle diete più in voga negli Stati Uniti: la dieta Atkins che sacrifica i carboidrati, la vegetariana Ornish che punta a limitare i grassi, il metodo Weight Watchers che si basa sul controllo delle quantità e delle calorie e, infine, la dieta a zona che si basa sul rapporto calorico 40-30-30 per carboidrati, proteine e grassi. Dal confronto è emersa una complessiva scarsa efficacia di tutti i regimi dietetici in termini di riduzione del peso corporeo. Nessuna dieta quindi ha portato a cali di peso statisticamente significativi e non è stato così possibile osservare differenze sostanziali tra i diversi regimi alimentari. Non solo. Tutti i soggetti coinvolti hanno avuto problemi di ipertensione, elevato colesterolo o diabete. Il problema riguarda l'aderenza alla dieta.
Tratto da ENDOCRINOLOGIA di Lucrezia Modesto
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro