Skip to content

L'Alcibiade di Platone per Proclo



Perché partiamo dall’Alcibiade? Nel neoplatonismo del 2 sec. ritornano le opere di Platone. Ci si pone il problema della loro edizione, di classificare le opere di Platone a fini anche pedagogici. Proclo e Olimpiodoro mettono l’Alcibiade all’inizio delle opere di platone.
L'Alcibiade:
- è un riassunto dell’opera di Platone;
- Coincide con l’introduzione in filosofia dello gnothi seauton come 1° condizione della pratica filosofica;
- Qui è vista la 1° articolazione politico-catartico.
Proclo parla di Gnothi seauton come condizione per cominciare a filosofare. Nell’alcibiade si scorge una quadruplice distinzione, quella in cui si articola la filosofia secondo i neoplatonici: logica, morale, studio della natura, teologia. Tali elementi secondo Proclo sarebbero celati nell’alcibiade ed esposti a partire dal loro fondamento, il ritorno di sé su sé.

Tratto da ERMENEUTICA DEL SOGGETTO di Dario Gemini
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro