Skip to content

Seneca e l'attenzione nell'ascolto



Ora parliamo di attenzione. Lettera 108 di Seneca. Il discorso filosofico è diverso da quello retorico, è destinato a dire la verità, ma non può dirla senza un certo numero di ornamenti. Ma chi ascolta deve rivolger bene la sua attenzione. Rivolgerla a ciò che è detto TO PRAGMA = il riferimento della parola, il referente dell'espressione. Eliminare punti di vista non pertinenti; comprendere ciò che vien detto; cogliere la proposizione vera che possa trasformarsi in precetto d'azione. L'attenzione filosofica si rivolge dunque verso un pragma che costituisce un referente. Poi dopo aver ascoltato una cosa nella sua dimensione di verità e di precetto, va memorizzata. ad esempio raccogliendosi e conservando il silenzio, esaminandosi di tanto in tanto per vedere a che punto siamo, ecc. Pragma = significato.
Tratto da ERMENEUTICA DEL SOGGETTO di Dario Gemini
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro