Skip to content

Fasi dello svolgimento di un colloquio

Fase iniziale o preliminare

Introdurre il soggetto alle finalità del colloquio motivandolo.
3 scopi: riconoscimento - esplicitaz d ruoli specifici d conduttore e soggetto - definizione di un contesto d accordo reciproco tra i partecipanti.
Qst consente anche di contenere l ansia che accompagna l ‘inizio del colloquio in quanto situazione nuova

Fase centrale

Acquisizione d conoscenza del contesto e della relazione che s è  instaurata.
Anche in qst fase psico deve gestire l’ansia in modo da nn farla debordare, evitare che diventi xvasiva per il soggetto.

Fase finale

Restituzione al soggetto almeno d quanto a dato, mostrare che è stato ascoltato attentamente, valutare possibile risposta alla domanda, progettazione d interventi da realizzare successivam col paziente,  
uno psicologo nel colloquio si pone nell’ottica d ottenere informazioni
==> in qst 2 possibilità fondamentali:
colloquio d applicazione: indagine su problematica già nota, già letteratura a riguardo
colloquio rivolto ad ambito d conoscenza nuova:

Registrazione dei dati del colloquio:

prassi nn trascrivere racconto del soggetto, solo appunti e poi trascrizione solo successiva.
-problema della distorsione della memoria
-> uso comune del registratore xò limiti :
 - sogg dev essere informato e accondiscendente
- riporta le info a scapito della relazione => invece lo psico che trascrive lo fa sulla base d un’immagine interna del paziente costruita attraverso tutto ciò che egli comunica.
Tratto da IL COLLOQUIO COME STRUMENTO PSICOLOGICO di Beatrice Segalini
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro