Skip to content

L’etnismo genocidiario del dopo guerra fredda e la nascita di una giurdizione internazionale permanente


Con la fine della guerra fredda è scomparso il mondo bipolare cioè la soluzione ideologica dei conflitti periferici e sono riaffiorate le vecchie fratture. Il crollo delle ideologie e dell’universalismo è stato accompagnato dall’emergere dei particolarismi e della conseguente riaffermazione della storia, della cultura, della religione e dell’etnia. Questa nuova esigenza di identità ha moltiplicato la crisi e i conflitti regionali soprattutto dove convivono civiltà diverse. Ma la fine della guerra fredda coincide anche con una perdita strategica, quella del nemico ideologico e geopolitico; con l’improvvisa scomparsa della figura del nemico si è creato un nuovo rapporto con l’altro: l’alterità è passata dall’esterno all’interno di società i cui legami comunitari si stavano già progressivamente allentando. Lo spostamento della figura dell’altro all’interno di società in preda al depauperamento, all’anarchia e al disorientamento ridesta d’altro canto rivendicazioni o controversie sepolte nella storia e nella memoria collettiva dei popoli.
Tratto da IL SECOLO DEI GENOCIDI di Filippo Amelotti
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro