Skip to content

L'illuminazione sul lago di Como (1881) - Paesaggi estivi - Cava de' Tirreni

Ne L'illuminazione sul lago di Como, Ciampoli racconta di una festa sul lago di cui i giornali parlano. Ne descrive i bagliori della festa, "una vegetazione di lumi" e personifica il lago che "ne gode, ne ride, e rende dal seno i giochi bizzarri di luce". E quel concerto di luci e suoni è reso con un richiamo al sublime, "stupendamente mostruoso, ti ammalia e ti stordisce". Alla fine, Ciampoli racconta di aver sognato quella magica festa "ma lo splendido sogno è stato meno bello del vero".

In Paesaggi estivi, Ciampoli conferma la predilezione per la visione dall'alto, panoramica, espressa anche in Roccamarina. Ed è una panoramica, oggi diremmo cinematografica, dal basso verso l'alto perchè Ciampoli torna al sole e all'aria mite, ai falchi e ai suoni udibili dall'alto: "La mente era soverchiata da tanta bellezza, la pupilla e la memoria erano soverchiate dal sentimento".

Tratto da INTRODUZIONE A DOMENICO CIAMPOLI di Domenico Valenza
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro