Skip to content

Primo cinema sonoro. "Don Juan" e "Il cantante di jazz"



Fino alla fine degli anni Venti i film erano muti, ovvero sulle pellicole non erano presenti tracce di bande sonore. Tendenzialmente lo spettacolo cinematografico era comunque accompagnato da un supporto sonoro fuori campo, con l’esecuzione di musiche dal vivo. Grazie alle sperimentazioni adoperate dalla Warner, negli Stati Uniti si arriva rapidamente ad una fase decisiva della storia del cinema, ovvero l’avvento del sonoro come elemento fondante della diegesi e successivamente con l’uso della parola come forma espressiva dei personaggi. Il primo tentativo di film sonoro fu il "Don Juan" (1926) di Alan Crosland, film non ancora parlato ma dotato di una colonna sonora propria, seppur costituita solo da musica e priva, oltre che di dialoghi, di rumori.  Il primo film del cinema sonoro è universalmente riconosciuto essere "Il cantate di jazz" (1927) sempre di Crosland. In questo film, ancora dotato di didascalie e di pantomime, in alcune sequenze il cantante Al Jolson cantava e pronunciava anche qualche parola. La frase più celebre è senz’altro “Aspettate un momento, aspettate un momento, non avete ancora sentito niente" prima frase pronunciata da Jolson e vero e proprio viatico verso l’era sonora del cinema. Ad ogni modo, Il cantante di jazz non è il primo film interamente parlato, come si tende erroneamente a credere, ma tale primato spetta a "The Lights of New York" (1928) di Bryan Fox, sempre di produzione Warner e con protagonista Al Jolson.
Tratto da LA NASCITA DEL CINEMA di Marco Vincenzo Valerio
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro