Skip to content

L'approccio dell'autonomia sistemica: l'intervento come perturbazione comunicativa


Questo approccio imposta invece l'azione politico-sociale mirata ai giovani attraverso interventi di tipo "perturbante".
In una strategia volta a rispettare e valorizzare le intrinseche potenzialità di autonomia osservate nel sistema psichico individuale, così come nei sistemi sociali, l'approccio in questione qualifica invece l'intervento con i giovani su un piano comunicativo.
Gli interventi perturbanti sono diversi a seconda che si rivolgano al singolo giovane oppure ai sistemi sociali in cui egli è inserito. Nel caso in cui il riferimento sia al sistema psichico individuale, l'intervento si concretizza nella "testimonianza", se il riferimento è invece un sistema sociale, l'intervento assume la forma di "promozione".
L'intervento testimoniale si inserisce nel percorso di socializzazione del sistema psichico del singolo giovane, mettendo a disposizione del suo ambiente sociale un "operatore" che mostra £esempi di comportamento". Prerogativa di tale azione comunicativa è presentare l'operatore come persona che è in grado di confermare l'unicità e la specificità dell'altro, ascoltando le sue espressioni comunicative e tenendone conto per tutto il processo di intervento.
Gli interventi promozionali intendono invece avere come riferimento il complessivo sistema sociale, proponendo o introducendo nell'ambiente dello stesso una selezione di specifiche possibilità di orientamento alla comunicazione.
Sia la testimonianza che la promozione, pur rappresentando interventi perturbanti diretti rispettivamente a sistemi psichici individuali e ai sistemi sociali, sono connessi dall'obiettivo comune di offrire al sistema di riferimento la possibilità di instaurare una comunicazione "cosmopolita".
Tratto da LA SPENDIBILITÀ DEL SAPERE SOCIOLOGICO di Angela Tiano
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.