Skip to content

La seconda sofistica

Così definita da Flavio Filostrato (II – III secolo d.C.), importante esponente del medesimo movimento, la seconda Sofistica è quella corrente letteraria, sviluppatasi tra il I e il II secolo d.C., il cui fiorire è legato all’imponente sviluppo che la retorica aveva subito nella età imperiale.

Lo stesso Filostrato ci informa sugli elementi che accomunano e segnano la distanza tra l’antica Sofistica del V secolo a.C. e la seconda Sofistica: elemento di comunanza tra le due scuole è sicuramente la centralità dell’arte del parlare, ma il sofista «moderno» bada molto all’apparenza, all’affermazione di sé, all’essere popolare e acclamato: il pubblico ammirava in questi conferenzieri il virtuosismo oratorio, ma non ne traeva stimoli a riorganizzare la propria esistenza.
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.