Skip to content

Eccezioni al ne bis in idem




L'effetto preclusivo che contraddistingue il giudicato penale è ricollegabile alle sentenze divenute irrevocabili. Bisogna però precisare se tale effetto sia o no ricollegabile a tutte le sentenze irrevocabili.
L'art. 649 c.p.p. pone delle eccezioni con l'inciso "salvo quanto disposto dagli artt. 69,2 e 345 c.p.p.". Vale a dire si esclude che costituiscano giudicato penale la sentenza irrevocabile di proscioglimento per morte dell'imputato e la sentenza irrevocabile di proscioglimento per mancanza di una condizione di procedibilità.
Per  quanto concerne la pronuncia di non doversi procedere per morte dell'imputato, l'art. 69,2 c.p.p. dispone che detta sentenza non impedisce l'esercizio dell'azione penale per il medesimo fatto o contro la medesima persona, qualora successivamente si accerti che la morte dell'imputato è stata erroneamente dichiarata.
In relazione alla sentenza irrevocabile di proscioglimento con la quale sia stata dichiarata la mancanza di una condizione di procedibilità, l'art. 345,1 c.p.p. stabilisce invece che siffatta sentenza non impedisce l'esercizio dell'azione penale per il medesimo fatto e contro la medesima persona se in seguito tale condizione cessi di mancare o non sia più necessaria.
Non costituisce, invece, eccezione al ne bis in idem la revisione posto che il nuoco processo penale per il medesimo fatto nei confronti della stessa persona non comporta una deroga alla funzione del giudicato penale di garantire la certezza in senso soggettivo evitando una reiterata persecuzione penale, dal momento che la revisione è diretta alla caducazione della sentenza di condanna. Il discorso muta, ovviamente, per le ipotesi eccezionali di revisione in peius, le quali costituiscono autentiche eccezioni al principio.
Un'eccezione al ne bis in idem non appare ravvisabile, per contro, nella revoca della sentenza di non luogo a procedere ex art. 434 c.p.p. posto che l'ampiezza della revocabilità della sentenza in parola preclude la ricollegabilità di un ne bis in idem alla sentenza stessa.
Tratto da LINEAMENTI DI PROCEDURA PENALE di Enrica Bianchi
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

  • Autore: Enrica Bianchi
  • Titolo del libro: Lineamenti di procedura penale
  • Autore del libro: Gilberto Lozzi
  • Editore: Giappichelli
  • Anno pubblicazione: 2008

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.