Skip to content

Il giudizio immediato




Il giudizio immediato anticipa pure il dibattimento eliminando l'udienza preliminare ma, a differenza del giudizio direttissimo, in esso non difetta la fase degli atti preliminari al dibattimento.
Il giudizio immediato può essere instaurato in seguito a richiesta del p.m. oppure in seguito a richiesta dell'imputato.
Nel primo caso i presupposti del giudizio immediato sono tre:
1. è necessaria la evidenza della prova;
2. la persona sottoposta alle indagini deve essere previamente interrogata sui fatti dai quali emerge l'evidenza della prova oppure detta persona, pur avendo ricevuto l'invito a presentarsi, deve avere omesso di comparire sempreché non sia stato addotto un legittimo impedimento e non si tratti di persona irreperibile;
3. la richiesta va effettuata dal p.m. entro 90 giorni dalla iscrizione della notizia di reato.
L'art. 453,2 c.p.p. stabilisce che, ove sussista una connessione tra il reato per cui è richiesto il giudizio immediato ed altri reati per i quali mancano i presupposti di tale rito, si procede separatamente a meno che la separazione non pregiudichi gravemente le indagini. Pertanto, se la riunione risulta indispensabile prevale in ogni caso il rito ordinario.
La richiesta è effettuata al giudice delle indagini preliminari, il quale, entro 5 giorni, deve emettere decreto con cui dispone il giudizio immediato oppure deve rigettare la richiesta ordinando la trasmissione degli atti al p.m. il decreto di giudizio immediato contiene anche l'avviso che l'imputato può chiedere il giudizio abbreviato ovvero l'applicazione della pena; l'omissione o l'insufficienza dell'avviso circa la facoltà di richiedere i riti alternativi determina una nullità di ordine generale. Tale decreto è comunicato al p.m. e notificato all'imputato e alla persona offesa almeno 30 giorni prima della data fissata per il giudizio.
L'art. 458 c.p.p. prevede, poi, che l'imputato, a pena di decadenza possa chiedere il giudizio abbreviato depositando la richiesta del rito abbreviato entro 15 giorni dall'ultima notificazione di giudizio immediato ovvero dell'avviso della data fissata per il giudizio immediato. Ciò non è possibile se il giudizio immediato sia stato richiesto dall'imputato.
Il giudizio immediato può essere instaurato anche in seguito a richiesta dell'imputato allorquando quest'ultimo rinunci all'udienza preliminare e richieda il giudizio immediato con dichiarazione presentata in cancelleria, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, almeno 3 giorni prima della data dell'udienza.
Tratto da LINEAMENTI DI PROCEDURA PENALE di Enrica Bianchi
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

  • Autore: Enrica Bianchi
  • Titolo del libro: Lineamenti di procedura penale
  • Autore del libro: Gilberto Lozzi
  • Editore: Giappichelli
  • Anno pubblicazione: 2008

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.