Skip to content

Lombalgia


E' una sintomatologia dolorosa limitata alla regione lombare, senza irradiazione periferica. Quindi senza alcun dolore che viene ad essere avvertito agli arti inferiori. E' frequentissima, si pensa che l’80% della popolazione mondiale nell’arco di 2 anni abbia almeno un episodio di lombalgia.
-colpisce soprattutto l’età adulta, le donne e le professioni che sovraccaricano il rachide lombare

Eziopatogenesi: è l’espressione clinica di un processo riguardante le strutture osteofibrose del rachide lombare
Essendo una sintomatologia dolorosa è legata ad un irritazione, stimolazione di alcune strutture nervose, in particolare a livello del tratto lombare ci sono dei nervi molto piccoli che fanno parte del cosiddetto nervo seno-vertebrale. La stimolazione di questi nervi è responsabile del dolore avvertito in sede lombare.
Può essere causata da:
-distorsione delle articolazioni interapofisiarie
-distorsione acuta dell’anulus

Cosa può stimolare i nervi seno-vertebrali? Possono essere patologie di tipo estremamente diverso, alla luce di quelle che sono le localizzazioni di questi nervi quindi in prossimità del corpo vertebrale, del nucleo vertebrale e dell’arco vertebrale.
Le cause più frequenti e responsabili pertanto di lombalgia acuta sono le distorsioni delle articolazioni inter-apofisarie e le distorsioni acuta dell’anello fibroso del disco cartilagineo, quindi sono eventi traumatici che vengono a determinare una distorsione a livello delle varie articolazioni fra i corpi vertebrali oppure che vengono ad essere esercitate a livello del disco intervertebrale e che provocano una espansione, una dilatazione dell’anulus che entra in conflitto e stimola questi nervi intervertebrali (provocando dolore).
Tratto da MALATTIE DELL'APPARATO LOCOMOTORE di Irene Mottareale
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: