Skip to content

La fotografia e il cinema liberano la pittura


Se la prospettiva è stata il peccato originale della pittura occidentale, Niepce e Lumière ne furono i redentori. Infatti la fotografia ha portato a compimento l’ossessione barocca della rassomiglianza. Non è più necessario che la pittura si sforzi di imitare il reale perché sia il cinema che la fotografia soddisfano non tanto il bisogno estetico di una rappresentazione tecnicamente perfetta (anche perché ai primordi la qualità delle immagini fotografiche non era certo paragonabile a quella attuale...) ma soprattutto il bisogno psicologico di una riproduzione meccanica che escludesse la soggettività, ipoteca obbligata nel caso della pittura. Dunque la soluzione non era nel risultato ma nella genesi. Il pittore viene così liberato dal complesso della rassomiglianza.
Tratto da ONTOLOGIA DELL'IMMAGINE FOTOGRAFICA di Nando Dessena
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: