Skip to content

L'inaugurazione del canale di Suez - 1869 -



Alla corsa verso oriente contribuì l’inaugurazione nel 1869 del canale artificiale che tagliando l’istmo di Suez metteva in comunicazione ilMediterraneo col Mar Rosso. Passata nel ‘700 sotto ilcontrollo britannico, l’India fu a lungo governata dalla Compagnia delle IndieOrientali, diretta emanazione del governo inglese. Dopo 100 anni di dominazione inglese l’economia restava fondata su un agricoltura povera ed arretrata, la struttura sociale era basata su una rigida divisione in caste edilpotere statale era carante o addirittura assente. I tentativi inglesi di avviare un processo di modernizzazione provocarono in più di un caso reazioni di stampo tradizionalistico religioso. La più importante fu la cosidettarivolta dei Sepoys nel 1857. la rivolta indusse il governo britannico a riorganizzare la presenza inglese in India. Soppressa nel 1858 la compagnia delle Indie, il paese passò sotto la diretta amministrazione della corona britannica, rappresenata da un vicerè.il rpincipio seguito fu quello di promuoveregli elementi indigeni fedeli alla Gran Bretagna affiancandoli però ad elementi inglesi. Nel 1876 la regina Vittoria fu proclamata imperatrice dell’India. La penetrazione francese dell’Indocina avviata negli anni ’50 si limitò all’inizio a qualche stazione commerciale e a missioni cattoliche. Furono le persecuzioni contro i missionari a fornire alla Francia un pretesto per un intervento militare. Nel 1862 i francesi occuparono la Cocincina e imposero il protettorato alla Cambogia. Se sul fianco orientale dell’India la GB doveva guardarsi dalla Francia, su quello Nord-Occidentale doveva preoccuparsi della Russia. L’impero zarista seguiva da tempo in Asia due direttrici di espansione: la prima verso la Siberia e l’estremo Oriente; la seconda verso l’Asia centrale. I risultati furono notevoli: nei primi 50 anni dell’800 la Siberia vide più che raddoppiata la sua popolazione e notevolmente incrementate le attività produttive e commerciali. Si accentuava nel frattempo la spinta della Russia a consolidare le proprie posizione strategiche verso la Cina e il Pacifico. Il governo zarisa ritenne opportuno rinunciare all’Alaska che venne venduta agli USA nel 1867 per 7 milioni di dollari. Nel 1891 fu avviata la costruzione delle ferrovia trasiberiana: lapiù lunga del mondo, completata nel 1904 collegò Mosca a Vladivostok. Nella zona compresa fra il Turkestan, il regno dell’Afhganistan e il Pakistan settentrionale, Russia e GB si affrontarono in una sorta di guerra combattuta tramite le tribù locali. Nel 1885 le due potenze giunsero ad un accordo. La GB occupò le isole Fiji, le Salomone e le Marianne; mentre la Nuova Guinea fu divisa tra Tedeschi e Inglesi;ma intanto nell’area del pacifico si andavano affacciando due nuove potenze con ambizioni egemoniche: Giappone e USA. Alla fine del XIX secolo, in seguito a contrasti che avevano come ogetto la Corea, i giapponesi mossero guerra alla Cina e la sconfissero per terra e per mare. La Cina dovette rinunciare ad ogni influenza sulla Corea. La prospettiva di uno sgretolamento dell’impero provocò la nascita di un movimento conservatore nazionalista e xenofobo. Questo movimento trovò il suo braccio armato in una società segreta nota come Movimento dei Boxers. Nel 1900 in seguito ad una serie di violenze compiute dai boxers, le grandi potenze si accordarono in un intervento militare congiunto. In 2 settimane la rivolta fu sedata ePechino venne occupata dalle truppe alleate.


Tratto da PICCOLO BIGNAMI DI STORIA CONTEMPORANEA di Marco Cappuccini
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: